Esplosione alla raffineria Eni: giovane operaio ustionato e subito ricoverato

Share

È stato trasportato con l’elisoccorso all’ospedale Niguarda. Lo scoppio, avvenuto in uno dei forni dell’isola 6, cuore storico dell’impianto, sarebbe stato provocato da un guasto

di Ermanno Bidone, Corriere della sera

petrolchimico EniUna violenta esplosione si è verificata attorno alle 8 di sabato mattina all’interno della raffineria Eni di Sannazzaro de’ Burgondi, in Lomellina. Un operaio di 30 anni è rimasto ferito ed è stato trasportato con l’elisoccorso all’ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano, con ustioni alle braccia, al torace e al volto. All’arrivo dei medici, il giovane era cosciente. Lo scoppio, avvenuto in uno dei forni dell’isola 6, cuore storico dell’impianto, sarebbe stato provocato da un guasto. Immediato l’intervento dei vigili del fuoco interni allo stabilimento, tra i più grandi d’Europa. Gli idrocarburi in lavorazione nei pressi della zona interessata dall’incidente sono stati spostati per eliminare il rischio di propagazione. L’operazione, necessaria alla messa in sicurezza, ha provocato un brusco aumento della fiaccola su una delle torri di controllo.

Evacuazione

L’impianto è stato subito evacuato, mentre all’esterno sono accorsi, preoccupati, amici e parenti dei lavoratori. Alcuni hanno riferito di provare bruciore agli occhi e difficoltà respiratorie. Gli operai sono rientrati al lavoro nella tarda mattinata. Alcuni residenti hanno riferito di aver sentito un’esplosione molto forte che avrebbe fatto tremare le finestre delle abitazioni, seguita da altre più modeste. La densa colonna di fumo è stata notata da decine di chilometri di distanza e ha provocato allarme tra gli abitanti della zona. Per questo il Comune di Sannazzaro ha pubblicato sul suo sito istituzionale una comunicazione alla cittadinanza. «Si informa che, a seguito di un evento accidentale e conseguente colonna di fumo presso lo stabilimento Eni– spiega il Comune – l’Amministrazione è stata notiziata dell’accaduto ed ha monitorato in tempo reale l’evolversi della situazione. Rassicurati dalla dirigenza Eni, si resta in attesa di un comunicato ufficiale».

La nota dell’azienda

Comunicato che è giunto nel pomeriggio. «Eni informa che questa mattina poco prima delle ore 8 nella Raffineria di Sannazzaro (Pavia) si è verificata una perdita nella zona del treno di scambio dell’impianto di reforming. Per cause in corso di accertamento la perdita ha generato un innesco che ha coinvolto un lavoratore, subito soccorso dalla squadra di pronto intervento della Raffineria. L’operatore, non in pericolo di vita e perfettamente collaborante, è stato trasportato all’ospedale Niguarda per gli accertamenti e le cure del caso. Non vi sono stati impatti nocivi per l’ambiente e per le persone. L’impianto della Raffineria interessato dall’evento è in fermata di sicurezza».

 

Share
Share