Foxconn sostituisce 60mila dipendenti con i robot

Share

Il principale fornitore della Apple, famoso per le pessime condizioni di lavoro e la raffica di suicidi, ha più che dimezzato la propria forza lavoro. Ora si teme che altre aziende taiwanesi della contea di Kunshan possano seguire la stessa strada

mail aziendaleProsegue a spasso spedito l’automazione delle linee di produzione di Foxconn, l’azienda taiwanese che produce quasi la metà delle componenti dei dispositivi elettronici da consumo venduti nel mondo e ha tra i suoi clienti tutti i colossi del settore, da Apple a Microsoft. Lo stabilimento nella contea di Kunshan, racconta al ‘South China Morning Post’ Xu Yulian, responsabile delle pubbliche relazioni del governo locale, “ha ridotto la propria forza lavoro da 110 mila a 50 mila persone grazie all’introduzione dei robot e ha segnato un successo nella riduzione del costo del lavoro”. “Altre compagnie seguiranno l’esempio”, aggiunge Xu.
Si tratta di una pessima notizia per il milione e mezzo di cinesi (circa due terzi della popolazione totale) emigrati in cerca di un’occupazione nella contea dell’ex Celeste Impero, giudicata da Forbes la migliore per performance economica per sette anni consecutivi. Solo nel 2015, spiega ancora Xu, trentacinque compagnie taiwanesi attive nella contea (che attrae capitali soprattutto da Taipei) hanno investito complessivamente 4 miliardi di yuan (circa 610 milioni di dollari) in intelligenza artificiale. E in testa c’è proprio Foxconn, il cui numero uno, Terry Gou, cinque anni fa aveva annunciato l’arrivo di un milione di robot nella catena produttiva.
Un anno fa, calcolava il ‘Wall Street Journal‘, se ne contavano però solo 50 mila nelle fabbriche del gruppo, salito anni fa agli onori delle cronache internazionali per la catena di suicidi tra i dipendenti.
A imporre un’accelerazione è il crollo della domanda di smart phone in un mercato ormai saturo, che ha spinto le aziende a tagliare i costi il più possibile. La nuova generazione di ‘Foxbot’ sarebbe però molto più affidabile e avanzata della precedente. Nel caso della contea di Kunshan lasciò il segno anche l’esplosione di una fabbrica di componenti per auto nella quale, nel dicembre 2014, persero la vita 146 operai. L’incidente portò alla defenestrazione dei responsabili locali del
Partito Comunista Cinese e costrinse la nuova amministrazione a studiare un modello industriale più sostenibile. I punti principali del piano al 2020 sono due: bloccare la costruzione di nuovi edifici (al momento il 46% del suolo della contea è cementificato) e ridurre la popolazione.

Repubblica

Share
Share