Chessidice in viale dell’editoria

giornali
Share

giornaliRcs, in uscita due terzi della redazione di Radio Marca. Inizia la cura dimagrante per la controllata iberica Unidad editorial del gruppo del Corriere della Sera. Dal quotidiano sportivo Marca, secondo la stampa spagnola, usciranno 19 giornalisti su 30 che si occupano di contenuti radiofonici. Gruppo Espresso, due diligence su Itedi in stato avanzato. È a buon punto la due diligence avviata dal gruppo di Repubblica su quello di Stampa e Secolo XIX, in vista della fusione che sarà effettiva nel primo trimestre dell’anno prossimo. Entro la fine di giugno 2016, invece, saranno perfezionati i contratti. Almeno secondo le previsioni iniziali. Snag (edicolanti): riforma per dare una prospettiva alla rete di vendita. Audizione ieri presso la commissione affari costituzionali del senato del Sindacato nazionale autonomo giornalai. Snag-Confcommercio, rappresentato dal presidente Armando Abbiati, ha depositato un documento contenente le proposte del sindacato per rilanciare il settore delle edicole, sostenendo, in particolare, che una liberalizzazione indiscriminata della vendita di quotidiani e periodici non favorisce uno sviluppo del mercato editoriale, ma rafforza esclusivamente il potere dei distributori locali che operano in regime di monopolio. Raccolta internet, -1,4% a marzo. Secondo l’Osservatorio Fcp-Assointernet per il mese di Marzo 2016 la raccolta pubblicitaria online è calata dell’1,4% a 43,6 milioni di euro. In particolare il Web -6,2%, Mobile +135,4%, Tablet +25,2%, Smart TV/Console +8%. Taz, edizione speciale in tedesco e turco contro la censura. Per protestare contro la censura della stampa in Turchia a opera del governo del presidente turco Recep Erdogan e anche contro il silenzio di Berlino in proposito, il giornale tedesco Die Tageszeitung (Taz) ha diffuso ieri un’edizione speciale in due lingue, tedesco e turco. L’edizione, titolata «Senza censura», è stata realizzata con la redazione del settimanale Agos e quella del quotidiano BirGun. Sedici pagine nelle due lingue raccontano le difficoltà del lavoro dei giornalisti in Turchia che vogliono indagare sulla politica del governo o sul lavoro pericoloso al confine con la Siria.

ItaliaOggi

 

Share
Share