COMUNICAZIONE FINANZIARIA: MEDIA, REPUTAZIONE E FORMAZIONE.

Share

patrizia rutigliano La ricerca di Reputation Institute verrà illustrata mercoledì 6 aprile a Roma (Palazzo Altieri, piazza del Gesù 49, dalle 9.30 alle 13) durante il convegno-tavola rotonda organizzato da(associazione italiana delle relazioni pubbliche). 

La reputazione delle banche e delle compagnie di assicurazione in Italia e’ sensibilmente peggiorata. Lo documenterà la ricerca di Reputation Institute che verrà illustrata mercoledì 6 aprile a Roma, a Palazzo Altieri (piazza del Gesù 49 – dalle 9.30 alle 13) durante il convegno-tavola rotonda organizzato da Ferpi, l’associazione italiana delle relazioni pubbliche. L’iniziativa intercetta direttamente il rapporto tra il mercato della finanza, il ritardo della buona educazione finanziaria nel nostro Paese, qualche isteria di troppo nel mondo dei media, il ruolo delle associazioni consumatori. Il tema dell’evento e’: “Trasparenza, educazione, informazione: per una buona comunicazione finanziaria” e risponde in qualche modo alla recente sollecitazione del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che raccomanda di “moltiplicare le iniziative di educazione e finanziaria”. Auspicio che risuona più forte nella recente crisi delle banche italiane e nella coincidenza della nuova normativa europea del bail-in. L’indagine di Reputation Institute verra’ illustrata dall’ad della società, Michele Tesoro-Tess. Alla tavola rotonda partecipano Paolo Balice (presidente Aiaf, consulenti finanziari), Giovanna Boggio Robutti (direttore generale Feduf, la Fondazione per l’educazione finanziaria), Massimiliano Dona (segretario generale Unc, Unione nazionale consumatori), Germana Martano (direttore generale Anasf, promotori finanziari), Matthew Newton (direttore International media di Generali), Manlio Pisu (capo Ufficio stampa Consob), Gianni Rizzuti (direttore Comunicazione Febaf, l’associazione delle associazioni del settore finanziario), Ignazio Rocco di Torrepadula (ad di Instapartners). Introdurrà i lavori del presidente di Ferpi, Patrizia Rutigliano. Un Paese come l’Italia, che detiene uno stock di risparmio finanziario di 4.000 miliardi di euro, soffre di una grave arretratezza nell’educazione finanziaria dei suoi cittadini. Che ruolo devono avere i professionisti della comunicazione? I giornali fanno il loro dovere? Le imprese del settore sanno produrre una buona comunicazione?Il convegno si concludera’ con la proposta di costituire un Osservatorio permanente sul tema della Comunicazione e della Reputazione nel sistema finanziario del Paese.

 

Share
Share