SS 7 Brindisi–Taranto e autovelox del Comune di Mesagne; illegittime le multe per eccesso di velocità. Il Comune annulli in autotutela tutti i verbali

Share

autostradeStrada statale 7, pilule altrimenti nota, nel tratto pugliese, come la strada Brindisi–Taranto. All’altezza di Mesagne spesso viene installato un autovelox utilizzato alla presenza della pattuglia della polizia municipale di quel Comune che, però, non contesta immediatamente le contravvenzioni.
I verbali motivano il perché della contestazione differita, che però non potrebbe avvenire e quindi devono essere annullati. A dirlo, recentemente, è stato il Giudice di Pace di Brindisi che, con una sentenza del 16 marzo 2016, ha accolto un nostro ricorso. Motivo dell’annullamento del verbale? La strada statale 7 non è compresa – almeno in questo caso non è stata fornita prova di ciò – nell’elenco delle strade indicate nel decreto prefettizio che consente la contestazione differita dell’eccesso di velocità. Il fatto che quella statale non possa essere considerata strada extraurbana principale emerge chiaramente dalla circostanza che nel tratto ricadente nella provincia di Taranto il prefetto competente ha indicato le parti in cui non è necessaria l’immediata contestazione della violazione.
Chiediamo al Comune di Mesagne di annullare in autotutela tutti i verbali fin’ora emessi per violazioni su quel tratto di strada e di rispettare la legge in futuro. Ai cittadini ricordiamo che contro simili verbali è possibile proporre opposizione mediante ricorso al Giudice di Pace – entro trenta giorni dalla notifica del verbale – oppure al prefetto, entro sessanta giorni dalla stessa data.

Share
Share