Chessidice in viale dell’Editoria

Share

vivendiVivendi rialza del 20% l’opa su Gameloft. Il gruppo francese dei media Vivendi ha rialzato del 20% il prezzo della sua opa su Gameloft,  editore e sviluppatore internazionale di videogiochi per console e smartphone, dopo che il cda aveva precedentemente respinto l’offerta iniziale. «Vivendi», spiega il gruppo, «ha rialzato a 7,20 euro ad azione la sua offerta», contro i 6 euro offerti lo scorso 18 febbraio. Il consiglio di amministrazione di Gameloft aveva, tra l’altro, sottolineato l’assenza di una logica industriale del progetto presentato da Vivendi e l’insufficienza dei termini finanziari dell’offerta, ora dovrà esprimersi nuovamente sulla variazione.

Mediaset, Barbara d’Urso non è giornalista ma può fare infotainment. Il gip del tribunale di Monza ha rigettato e archiviato per infondatezza l’accusa di «esercizio abusivo della professione giornalistica» intentata contro Barbara Urso dal presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti Enzo Iacopino. La denuncia pretendeva di inibire l’attività professionale della d’Urso nel programma Domenica Live in quanto non iscritta all’Ordine dei giornalisti ma il giudice ha accolto la richiesta di archiviazione del pubblico ministero, Walter Mapelli, in ragione «della tutela dei diritti fondamentali, quali quello di libertà di manifestazione del pensiero». In particolare, il gip Giovanni Gerosa ha chiarito che la tipologia del programma di Barbara d’Urso è inquadrabile nell’infotainment attività nella quale la conduttrice è peraltro coadiuvata da una redazione di giornalisti professionisti. Mediaset, oltre a esprimere soddisfazione per la decisione relativa a un proprio programma e a una capace conduttrice, «segnala il rilevante precedente giuridico che costituisce un punto fermo nel diritto della libera manifestazione del pensiero. A tutela di chiunque operi nel mondo mediatico e più in generale per tutti i cittadini».

Radio, la raccolta cala del 3,4% a gennaio. Secondo l’Osservatorio Fcp-Assoradio a gennaio 2016 l’investimento pubblicitario nelle radio è calato del 3,4% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, per un fatturato totale di 19,154 milioni di euro. «Dopo un 2015 che ha chiuso con un incremento di fatturato pari a +8,8% la flessione di questo inizio anno appare quasi fisiologica», ha detto Paolo Salvaderi, presidente di Fcp-Assoradio. «Il delta percentuale a gennaio è -3,4%. Stiamo comunque parlando del mese che dopo agosto ha l’incidenza minore sul totale anno, 6,2% nel 2015. Altre variabili hanno inoltre inciso sull’andamento del mercato pubblicitario in generale. Penso alle prolungate festività di dicembre e alle turbolenze dei mercati finanziari. Nel 2016 per il mezzo l’obiettivo è consolidare l’importante risultato raggiunto lo scorso anno e il posizionamento conquistato dalla radio nel media mix degli investitori».

Nasce Jam Tv. È nata ieri ufficialmente Jam Tv, la nuova televisione musicale diretta da Ezio Guaitamacchi e dedicata a tutti gli appassionati di rock e dintorni (online su www.jamtv.it). La web tv è nata come evoluzione del magazine Jam-viaggio nella musica.

Rai Way premia la ricerca e l’innovazione. Rai Way ha istituito un premio per sostenere la ricerca e l’innovazione nel campo di tv-radio broadcasting e tlc. L’intento è di approfondire le evoluzioni tecnologiche in atto in ambito nazionale e internazionale, e di coinvolgere le risorse interne dell’azienda nella ricerca di progetti migliorativi dei processi industriali e gestionali. Fra le iniziative, il Premio Rai Way 2016 per le migliori tesi di laurea magistrale o di dottorato incentrate sui temi della diffusione/trasmissione del segnale radiotelevisivo e dello sviluppo business, tower rental e servizi di rete. A questo si aggiunge il Premio Rai Way per l’innovazione e la semplificazione 2016 riservato ai dipendenti Rai Way con la finalità di premiare progetti interni volti alla configurazione innovativa e alla semplificazione di modelli, processi e servizi ed alla sostenibilità ambientale, sociale e finanziaria.

Sky, Goldman vede il potenziale e alza il rating. Goldman Sachs alza il rating di Sky a buy da neutral. La banca è particolarmente interessata nell’espansione nel settore mobile della società britannica e nell’offerta di Sky Q, così come nelle loro opportunità di crescita. Con le nuove iniziative del gruppo, si prevede un aumento dei ricavi del 30% entro il 2020. Per Goldman l’outlook rimane solido e il potenziale di crescita in Germania e di consolidamento in Italia appaiono stabili. La banca ha sottolineato che il valore dei contenuti è in crescita e i settori dei media e delle telecomunicazioni andranno probabilmente incontro a fusioni e acquisizioni.

Mondo Tv: rinnova l’intesa con polacca Tvn per video on demand. Mondo Tv ha rinnovato l’intesa con Tvn, società polacca proprietaria della rete televisiva generalista Tvn, per la diffusione su piattaforma video on demand di 104 episodi da 13 minuti di propri programmi. La licenza, non esclusiva, prevede il diritto di sfruttamento per tre anni, sulla piattaforma player.pl, una delle principali piattaforme on-demand operate in Polonia dei due programmi.

Italia Oggi

Share
Share