Le sette professioni più gettonate del 2016

Share

professioniLe figure più richieste quest’anno secondo Kelly services dall’informatore scientifico all’automation engineer al manager dei rischi bancari e al sales area manager per l’estero

1) Operational risk manager nel settore bancario Nel 2016 quali saranno i professionisti più ricercati e quali caratteristiche dovranno avere per essere arruolati dalle aziende?La agenzia per il lavoro Kelly services ha stilato la sua classifica dei sette profili che verranno più richiesti in base alla sua esperienza sul campo. L’anno scorso l’operational risk manager è stata una delle figure più richieste nel 2015 e prevediamo che questo trend verrà confermato anche per il 2016. Tra le competenze che deve avere: esperienza consolidata nel ruolo all’interno di istituzioni finanziarie o primarie società di consulenza. Inoltre, online sono richieste conoscenze in ambito di identificazione rischi, misurazione e gestione degli stessi e la conoscenza dei principali applicativi dedicati alla gestione dei rischi operativi e/o all’analisi statistico attuariale. Tra le soft skill, è richiesto un’inglese fluente. La retribuzione è compresa tra i 70 e gli 80mila euro l’anno.

2) Informatori scientifici del farmaco Per la propaganda del farmaco è necessaria una laurea scientifica come medicina, rx scienze biologiche, chimica con indirizzo organico biologico, farmacia, medicina veterinaria o diploma universitario in informazione scientifica sul farmaco, mentre per la propaganda di integratori e dispositivi medici è richiesta la laurea scientifica, ma anche in altre discipline(in azienda poi il candidato verrà formato in modo adeguato). Indispensabile la buona conoscenza del territorio assegnato. Agli informatori con inquadramento ENASARCO si offre un contratto a partita IVA, mentre per il product spet è prevista la possibilità di inserimento a tempo indeterminato. La retribuzione media annua è di 30mila euro.

3) Responsabile audit crediti nel settore bancario In questo caso è richiesta la laurea in ambito economico-finanziario, elevate conoscenze di analisi dei processi nell’ambito credito e del sistema integrato dei controlli (I°- II° – III° livello) e una forte capacità di identificazione e valutazione degli indicatori chiave di rischio. Sono richiesti, inoltre, un’ottima conoscenza della competenze in ambito di vigilanza prudenziale e un inglese fluente. La retribuzione annua può variare tra i 70 e i 100mila euro.

4) Disegnatori/progettisti meccanici Per questo ruolo, sono richieste una laurea spetica in ingegneria meccanica e un’esperienza di almeno 2/3 anni maturata nel ruolo di progettista (preferibilmente settore macchine automatiche). Completano il profilo un’ottima conoscenza di CAD 3D (SolidWorks, SolidEdge, Inventor) e della lingua inglese. La retribuzione media annua è di circa 25/35mila euro.

5) Senior account credit protection insurance Questa figura, che lavora all’interno della direzione commerciale dell’azienda, deve aver conseguito una laurea in ambito economico-finanziario e aver maturato un’esperienza consolidata nell’ambito dei rischi alla persona. Un valore aggiunto è sicuramente l’ottima conoscenza del prodotto CPI (Credit Protection Insurance). Tra le competenze personali, sono gradite la predisposizione al rapporto con il cliente e la disponibilità a trasferte sul territorio nazionale. Oltre alla conoscenza fluente della lingua inglese, sarà considerato titolo preferenziale la buona conoscenza di una seconda lingua. La retribuzione media annua è di 50/70mila euro.

6) Sales area manager per l’estero Questa figura opera all’interno del team commerciale dell’azienda e deve possedere un’ottima conoscenza dei prodotti di riferimento. Tra le competenze personali, vengono richieste una spiccata capacità manageriale e un forte orientamento ai risultati. La figura, occupandosi della gestione degli agenti e dei distributori esteri, deve avere piena padronanza della lingua inglese. La retribuzione annua è di 65mila euro lordi più provvigioni.

7) Automation engineer È richiesto un diploma/laurea in ingegneria elettronica e un’esperienza di almeno 2/3 anni all’interno di aziende che operano nell’automazione industriale. Inoltre, sono fondamentali la conoscenza dei principali programmi scientifici per l’automazione (Siemens/Omron/Allen Bradley) e la disponibilità a trasferte su territorio nazionale e internazionale. La retribuzione media annua varia dai 28 ai 30mila euro.

“Corriere della Sera”

Share
Share