Parco di Tor Fiscale, le grotte diventano discariche per rifiuti pericolosi

Share

Una fase del sequestro

Il sottosuolo del parco di Tor Fiscale contaminato dalla presenza di rifiuti pericolosi. E’ la terribile scoperta che questa mattina hanno fatto i vigili di Roma ispezionando le gallerie dell’area verde a due passi dalla zona di pregio delle tombe di Via Latina, find tra via Tuscolana e via Appia Nuova. L’operazione, see che rientra nell’ambito del contrasto all’inquinamento ambientale, ha interessato grotte e cunicoli di interesse archeologico che venivano utilizzati illecitamente per lo smaltimento di rifiuti, e che negli anni sono state trasformate in vere e proprie discariche abusive sotterranee. Gli agenti, giunti sul luogo grazie ad accurate indagini su alcuni rottamatori e sul racket dello smaltimento dei rifiuti speciali, hanno riscontrato come le gallerie fossero utilizzate per ammassare scorie pericolose e cisterne di olii esausti. Addirittura sul terreno è stato rilevato uno strato oleoso profondo cinque centimetri, un accumulo che lascia pensare come l’area sia sfruttata da molto tempo per sversare e nascondere idrocarburi tossici. Secondo i primi rilievi e le prime indiscrezioni, infatti, i cunicoli venivano utilizzati come discariche anche da alcune aziende operanti nella zona, che avrebbero creato degli accessi al sottosuolo in forma completamente autonoma per smaltire i propri rifiuti industriali. Non solo. Nei 20-30 metri di profondità delle gallerie gli agenti della municipale hanno trovato anche cumuli di calcinacci e montagne di materiale da risulta. Insieme ai caschi bianchi presenti all’ispezione anche i tecnici dell’Arpa che ora dovranno studiare e valutare la gravità dell’inquinamento della zona e delle falde acquifere. Per monitorare meglio la vasta area i responsabili dell’agenzia regionale per l’ambiente hanno dovuto utilizzare anche dei droni per capire meglio la quantità di superficie interessata dalla contaminazione. Una volta compiute le analisi sui campioni prelevati e accertato il reato di inquinamento e disastro ambientale si procederà alla ricerca degli esecutori materiali. Con pene che vanno dai 2 ai 6 anni di reclusione.

Il Messaggero

Share
Share