Chessidice in viale dell’Editoria

Share

Ibm acquisisce Ustream. Ibm ha acquisito Ustream, piattaforma di servizi di video in streaming, in un accordo valutato 130 milioni di dollari (119 mln di euro). L’acquisizione di Ustream arricchirà il portfolio di Ibm permettendo all’azienda di conseguire un migliore posizionamento all’interno di un mercato che entro il 2019 potrebbe avere un valore di 105 miliardi di dollari, ha affermato Steve Canepa, general manager del settore telecomunicazioni, media ed entertainment di Ibm. La società integrerà le attività di Ustream in una nuova divisione per servizi video, guidata da Braxton Jarrat, ex a.d. di Chearleap, altra azienda del settore, acquisita a dicembre da Ibm.

Quo-vado-posterMediaset, incassati 80 milioni dai film prodotti. Due film Mediaset sono ai primi due posti del box office 2016: oltre a Checco Zalone (QuoVado?, che proprio ieri ha rotto il muro dei 60 milioni di incasso con 9 milioni di spettatori) spicca al 2° posto Il Piccolo Principe, coprodotto da Mediaset (1,3 milioni di presenze per 8,3 milioni di incasso). E se aggiungiamo anche Chiamatemi Francesco uscito a dicembre 2015 e ancora nelle sale (600 mila spettatori, 3,7 milioni al box office) e Vacanze ai Caraibi (1,1 milioni di spettatori, 7,5 milioni di incasso) i film Mediaset della stagione hanno richiamato nelle sale 12 milioni di persone, con un incasso totale di oltre 80 milioni di euro. «Siamo orgogliosi di questa stagione cinematografica», ha dichiarato Pier Silvio Berlusconi, a.d. di Mediaset. «Oltre 12 milioni di italiani che in poche settimane scelgono i film Mediaset non sono frutto del caso, ma di un lavoro accurato. Mediaset, con Medusa Film (distribuzione) e TaoDue Film (produzione di fiction e film), ha infatti investito negli ultimi anni per creare un’autentica industria del cinema italiano. E nello stesso tempo ha allargato la propria vocazione internazionale con progetti nati in Italia come Chiamatemi Francesco sulla vita di Papa Bergoglio (scritto e girato anche per i grandi mercati esteri) e l’investimento nella coproduzione di un successo per niente scontato come Il Piccolo Principe di cui Mediaset detiene anche i diritti per tutte le piattaforme (tv free e pay, digitale e satellite, lineare e non lineare). I film Mediaset della stagione mi sembrano le migliori risposte alla presunta crisi del cinema che forse è più una crisi di proposte. E i risultati della nostra scelta di puntare con determinazione sul cinema per il grande pubblico si vedono sia in termini di qualità sia di box office».

Internet, Banzai al 2° posto nella classifica degli operatori web in Italia. Secondo l’ultima rilevazione comScore, Banzai con 23,8 milioni di utenti unici al mese e una reach del 63,5% sul totale della popolazione internet italiana, è la seconda property digitale in Italia dopo Google e la prima fra gli italiani. La crescita rispetto allo scorso anno è stata pari al 17,5%, rispetto a una crescita della popolazione internet italiana del 13,5%. Banzai passa dal quinto al secondo posto, trainata soprattutto dall’audience mobile che, sempre secondo comScore, ha raggiunto 15,9 milioni di utenti unici mensili, con una crescita del 34% rispetto a un mercato in crescita del 25%.

Giornalisti, intesa Asr-Cna per l’avvio di imprese nel settore informazione. Un servizio di orientamento per i giornalisti che, perso il lavoro, scelgono di avviare un’impresa nel settore dell’informazione. È il frutto dell’intesa tra la Cna di Roma, con il suo sportello Impresa Facile, e l’Associazione Stampa Romana. Cna di Roma offrirà assistenza su tutto quello che c’è da sapere al momento dell’avvio, mettendo al servizio dell’associazione Stampa Romana l’esperienza già sperimentata su aspiranti artigiani, commercianti e piccoli imprenditori: dalla scelta del tipo di società, agli adempimenti amministrativi e fiscali.

Moviemax: multa Consob a tre ex sindaci. Consob ha multato tre ex sindaci di Moviemax per 90 mila euro complessivi, imponendo alla società (della quale nel frattempo è stato dichiarato il fallimento) il pagamento della sanzione e l’obbligo di regresso nei confronti degli autori materiali della violazione. Secondo le ricostruzioni dell’authority guidata da Giuseppe Vegas, i tre sindaci (Cristina Betta, Paolo Spadafora e Stella D’Atri) sarebbero venuti meno al dovere di vigilanza in merito alla sottoscrizione da parte di Cinemax (società controllata al 100% da Moviemax), nel luglio 2013, di un contratto d’affitto per un canale tematico sul digitale terrestre di proprietà di Guido Veneziani Editore. Sebbene il contratto fosse stato inquadrato come operazione con parti correlate (l’a.d. di Moviemax Media Group, Rino Garbetta, era anche amministratore unico di Cinemax e amministratore con deleghe in Guido Veneziani Editore), secondo Consob il ruolo assunto dai componenti del collegio sindacale avrebbe precluso l’efficacia dei presidi che l’ordinamento prevede per evitare comportamenti pregiudizievoli per gli interessi degli azionisti e della società stessa.donna moderna

Donna Moderna, CasaFacile e Sale&Pepe insegnano ad aprire un blog. Digital School, la scuola di formazione firmata da Donna Moderna, CasaFacile e Sale&Pepe, nata lo scorso ottobre, dopo il successo dei corsi in aula in content e social media management, amplia la propria offerta e-learning con il nuovo corso «Aprire un blog», online su Digitalschool.it. Il corso prevede una lezione di un’ora tenuta dalla docente Luigina Foggetti, digital strategist, consulente e formatrice, che illustrerà come avviare un blog sulla piattaforma WordPress, e un test game finale per misurare subito quanto appreso.

“Italia Oggi”

Share
Share