Refugee Hero, l’Airbnb speciale per i rifugiati

Share

Refugee HeroUna bella storia in tempi di migranti e crisi umanitaria in Europa. Un gruppo di ragazzi olandesi ha lanciato una piattaforma on-line che si chiama ‘Refugee Hero’, unhealthy una specie di Airbnb dei rifugiati. Permette di affittare temporaneamente stanze e abitazioni in ogni parte del mondo. In pratica, shop registrandosi, ognuno può fornire un tetto ad un richiedente asilo in cerca di accoglienza.

“Vogliamo restituire umanità al genere umano”, ha spiegato Germaine Statia, 23 anni, al sito Business Insider.

L’iniziativa, che non ha fini di lucro, include case private ma anche posti messi a disposizione da istituzioni come scuole, università, chiese e moschee. Secondo i promotori, il progetto potrebbe trasformarsi in una importante forma di accoglienza da affiancare a quella istituzionale. “Solo l’Olanda ha speso nel 2014 circa 495 milioni di euro per iniziative a sostegno dei rifugiati”, sottolinea Jamal Oulel, 25 anni che ha pensato all’iniziativa insieme a Germaine Statia e Ayoub Aouragh, 24 anni.

Share
Share