Mediaset pensa al polo delle radio con R101, Virgin, R105 e Montecarlo

Share

Mediaset(Repubblica) Il Biscione è in trattativa esclusiva con Mondadri per R101, sale ma all’orizzonte si prospetta un affare con Rcs Mediagroup, che sta sistemando la partecipazione in Finelco (Montecarlo, 101, Virgin): i Berlusconi e la famiglia Hazan potrebbero unire le forze. Mediaset pensa al polo delle radio con R101, Virgin, R105 e MontecarloMILANO – Pausa di Mediaset in Borsa dopo il forte recupero delle ultime settimane, ma il progetto di un polo radiofonico sotto le insegne del Biscione sembra piacere agli analisti.

Dopo le trattative in esclusiva con Mondadori per rilevare R101 che scadono il 20 settembre prossimo Mediaset – secondo quanto ricostruisce il Sole24Ore – sarebbe pronta a un nuovo colpo nel settore radiofonico. L’occasione è fornita dal riassetto della partecipazione di Rcs Mediagroup nel gruppo Finelco (Radio Montecarlo, R105 e Virgin): la famiglia Hazan, azionista di maggioranza di Finelco, ha esercitato il diritto di prelazione sulla quota di minoranza (45,5%) nell’ambito di un progetto di creazione di un nuovo polo radiofonico con Mediaset in cui entrerebbero le quattro emittenti. Circa un mese fa Rcs aveva annunciato di aver ceduto tale quota al veicolo Blue Ocean, che fa capo a una cordata di investitori guidata da Antonio Ricci. Ma la mossa della famiglia Hazan – a questo punto – potrebbe ribaltare la situazione.

Mediaset: senza il satellite Canale 5 perde 500mila ascolti

A luglio, nel commentare le trattative su R101, il ceo di Mediaset Pier Silvio Berlusconi non aveva nascosto il suo interesse a 360 gradi per il settore soprattutto in funzione delle potenzialità della raccolta pubblicitaria. “Il settore radio è il più dinamico per la raccolta pubblicitaria (+7.5% nel primo semestre) – commenta Equita sim – ed inoltre le sinergie di contenuti e marketing con la tv possono essere significative. Per Rcs vi sarebbe
una accelerazione nel processo di cessione della quota in Finelco”. “La combinazione dei due business, probabilmente in una joint venture, creerebbe un forte operatore con quattro radio per una quota di ascolti complessiva del 28% in base ai dati agcom 2014”, aggiunge Banca Akros.

Share
Share