Vodafone mette il freno alla mia linea Adsl e dà la colpa a Telecom

vodafone
Share

vodafonerisponde Alessandro Longo

Buongiorno, pharm
sono stato cliente Vodafone rete fissa/adsl con Vodafone/station ma dopo sei mesi con cui navigavo a circa 3,2 mega, ad un tratto il servizio ? scaduto a 0,8 mega! Chiamato e chattato con loro e la risposta è che non c’è nulla da fare perché Telecom dice che rete non è migliorabile. Ma dico, mi sono stati promessi 7 mega, almeno 2 mi pare siano obbligatori, o sbaglio? Ed abito in una città del Trentino, mica cima allo Stelvio.

Perché per 6 mesi è andato tutto bene e ora il disservizio? Adesso ho deciso di recedere ma scommetto mi applicheranno la penale. Io non lo trovo corretto, sono stato “obbligato” a recedere. Per non dire che inizialmente, a mia insaputa, per far funzionare la Vodafone/station ho dovuto chiamare elettricista per fare il ‘ribaltamento delle prese telefoniche’. Il consumatore cornuto e mazziato..
Gianluca Bottesi

Una Adsl che non arriva a un megabit è un disservizio, ufficialmente. È infatti velocità inferiore al minimo contrattuale. L’utente ha diritto alla disdetta gratuita, ma prima deve provare il disservizio via test Nemesys e dare all’operatore tempo per risolvere il problema (si passa con un reclamo via raccomandata A/R che riporta i dati del test).

Da quanto ci dice il lettore, la causa sembra nella linea telefonica di Telecom Italia. Forse il doppino è troppo lungo e l’attivazione di altre Adsl in zona ha alzato il rapporto rumore/segnale oltre un livello accettabile. Oppure si è deteriorato qualche componente della linea. La risposta di Telecom Italia (“la rete non è migliorabile”) al solito si riferisce a casi di doppino troppo lungo, ma visto che prima il servizio era almeno decente c’è da credere che sia intervenuto un fattore nuovo, forse affrontabile dall’operatore. Solo le vie formali (test Nemesys, raccomandata, appunto) possono obbligare Vodafone a premere su Telecom per una soluzione.

Cambiare operatore non risolve, se la causa è sulla linea. A meno di non passare a un’offerta in fibra ottica: il lettore verifichi sui siti di Telecom Italia, Vodafone e Fastweb se è coperto. Nelle reti fibra fino all’armadio il doppino è molto corto, quindi l’utente – per così dire – taglierebbe la testa al toro. Se l’utente non può passare alla fibra e Vodafone non riesce a risolvere, almeno si ottiene la disdetta gratuita. Per avere internet veloce può poi usare un’offerta mobile o fixed wireless broadband (ex Wimax), nell’attesa di essere coperto dalla fibra (che prima o poi arriverà).

Share
Share