RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI CONSOLIDATI SEMESTRALI 2015

salini impregilo
Share

salini impregiloRICAVI DELL’INTERO PIANO INDUSTRIALE GIÀ COPERTI PER IL 92% DAL PORTAFOGLIO ORDINI

INCREMENTO DEI RICAVI DEL 2° TRIMESTRE VERSO IL 1° TRIMESTRE 2015: +20%

EBITDA ED EBIT IN CRESCITA A DOPPIA CIFRA

 

  • Nuovi ordini a fine luglio €4, 5 miliardi, pari al 76% del target del 2015
  • Ricavi €2,2 miliardi (vs. €2,1 miliardi; +2,9%) [1] [2]
  • EBITDA €229,3 milioni (vs. €197,4 milioni; +16,2%); EBITDA margin 10,4% (vs. 9,2%)
  • EBIT €128,5 milioni (vs. €114,1 milioni; +12,6%); EBIT margin 5,8% (vs. 5,3%)
  • Risultato Netto delle attività continuative €71,9 milioni (vs. €15,6 milioni)
  • Risultati in linea con la guidance di fine anno e gli obiettivi del piano industriale 2014-2017

 

Milano 3 agosto 2015 – Il Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A (MTA: SAL) ha approvato la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015.

CONTO ECONOMICO

I Ricavi consolidati del primo semestre 2015 sono pari a €2.199, illness 5 milioni + 2,9% rispetto ai ricavi del primo semestre del 2014 pari a €2.136,6 milioni. I ricavi del secondo trimestre, pari a €1.197,2 milioni, sono cresciuti del 20% rispetto al primo trimestre 2015, riflettendo il positivo contributo di diversi importanti progetti in Etiopia, Qatar e Malesia.

Nel primo semestre 2015, i Costi operativi totali sono pari a €1.970,2 milioni rispetto a €1.939,3 milioni dei primi sei mesi dell’anno precedente. L’incidenza dei costi operativi sui ricavi rispetto al primo semestre dell’anno precedente è migliorata dell’1,2%, riducendosi da 90,8% a 89,6%. Nel primo semestre 2015 sono stati contabilizzati costi non ricorrenti, pari a circa €6 milioni, afferenti a progetti strategici volti ad incrementare l’efficienza nel gruppo e a conseguire sinergie di costo in parte già nel 2016, in anticipo rispetto alle previsioni del piano industriale.

Il margine operativo lordo (EBITDA) conseguito nei primi sei mesi del 2015 è pari a €229,3 milioni con un incremento del 16,2%, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il margine operativo netto (EBIT), pari a €128,5 milioni, nel primo semestre 2015 registra un aumento del 12,6% sempre rispetto alla stesso periodo dell’anno precedente.

Le incidenze sui ricavi del margine operativo lordo (EBITDA) e del margine operativo netto (EBIT) risultano pari rispettivamente a 10,4%, e 5,8% migliori dei target di fine anno.

La gestione finanziaria e delle partecipazioni pari a €21,3 milioni evidenzia un significativo miglioramento rispetto al primo semestre del 2014 che riportava oneri netti per €89,0 milioni. Il miglioramento è, in larga parte, ascrivibile alla riduzione degli oneri finanziari, che passano da €73,3 milioni nel primo semestre 2014 a €46,8 milioni nel 2015, grazie alla rinegoziazione delle principali linee di debito a medio lungo termine, che ha notevolmente contribuito alla riduzione del tasso di interesse medio, nonché al miglioramento della gestione cambi, che registra un utile pari a €5,3 milioni rispetto ad una perdita per €37,6 milioni nel primo semestre 2014. La gestione delle partecipazioni ha contribuito con un risultato positivo pari a €1,2 milioni in linea con quanto realizzato nel primo semestre 2014.

Nel primo semestre 2015 il risultato netto delle attività continuative risulta pari a €71,9 milioni con un notevole incremento rispetto ai €15,6 milioni realizzati nel primo semestre 2014. Il risultato netto del periodo, prima delle interessenze di terzi, si attesta a €60,3 milioni includendo una perdita da attività operative cessate pari a €11,6 milioni, rispetto ad un utile netto di €76,5 milioni nel primo semestre del 2014 che aveva invece beneficiato di un utile delle attività operative cessate pari a €60,9 milioni, legato essenzialmente alla vendita di Fisia Babcock.

PRINCIPALI RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI AL 30 GIUGNO 2015

€/million 6M 2015

                       

6M 2014[3] Variazione
RICAVI 2.199,5 2.136,6 2,9%
EBITDA 229,3 197,4 16,2%
EBITDA margin 10,4% 9,2%  
EBIT 128,5 114,1 12,6%
EBIT margin 5,8% 5,3%  
RISULTATO DELLE ATTIVITÀ CONTINUATIVE 71,9 15,6 360,7%
RISULTATO DEL PERIODO 60,3 76,5 (21, 2%)

STATO PATRIMONIALE

Al 30 giugno 2015 l’indebitamento lordo è pari a €1.645,5 milioni con una crescita di €213,4 milioni rispetto al debito lordo del 31 dicembre 2014. La scadenza del debito bancario a medio lungo termine è stata estesa dal 2016 al 2019 e il costo medio è stato ridotto dal 4,3% al 2,6%. Il debito netto risulta pari a €378,6 milioni ed include disponibilità e altre attività finanziarie per €1.266,9 milioni. Il rapporto Debito Netto/ Equity al 30 giugno 2015 è pari a 0,30.

NUOVI ORDINI E PORTAFOGLIO ORDINI

Nei primi sei mesi del 2015 il portafoglio ordini totale è pari a €33,3 miliardi, di cui €26,1 miliardi relativi alle costruzioni e €7,2 miliardi alle concessioni.

Il totale dei nuovi ordini, incluse le variazioni di ordini e gli incrementi di quote, è pari a €2.820 milioni. Tale importo comprende: nuovi ordini per €157 milioni relativi a due contratti in Nigeria e uno in Svizzera; variazioni di ordini per €1.319 milioni di cui €707 milioni per il contratto della costruzione della Metro di Lima, ed infine incrementi quote per €1.344 milioni.

Dopo la chiusura del primo semestre Salini Impregilo si è aggiudicata nuovi ordini per oltre €1.710 milioni, di cui €770 milioni per la costruzione dello stadio Al Bayt in Qatar, €300 milioni per la costruzione di infrastrutture sempre in Qatar nella zona residenziale di Shamal, €170 milioni per la costruzione dell’autostrada A1 in Polonia a sud di Varsavia, e un nuovo progetto per la costruzione di una diga in Georgia del valore di €470 milioni, che verrà firmato e comunicato nei prossimi giorni.

Considerando le aggiudicazioni di nuovi ordini successive al primo semestre, il totale dei nuovi ordini ad oggi risulta pari a €4,5 miliardi e rappresenta il 76% degli ordini previsti per fine 2015.

PRINCIPALI FATTI DI RILIEVO AVVENUTI DURANTE IL PRIMO SEMESTRE 2015

27 aprile 2015 – Il Governo della Papua Nuova Guinea e Salini Impregilo firmano un accordo, in esclusiva, per sviluppare congiuntamente un progetto idroelettrico da 1800 MW. L’intesa siglata con la seconda più grande nazione dell’Oceania, dopo l’Australia, prevede lo sviluppo di un’opera il cui investimento previsto supera $2 miliardi.

23 maggio 2015 Inaugurata la tangenziale di Como della Autostrada Pedemontana Lombarda. Salini Impregilo guida la “consortile Pedelombarda”. Le opere dell’intero progetto eseguite da Pedelombarda, si suddividono in tre macro-lotti per un totale di circa 24 km. Oltre alla tangenziale di Como, infatti, ne fanno parte il collegamento tra le autostrade A8/A9 denominato Tratta A con uno sviluppo di 14,585 km e il 1° lotto della tangenziale di Varese con 4,9 km, opere già inaugurate nel mese di gennaio.

28 maggio 2015 Completato con successo, in linea con il budget e la tempistica assegnata, il tunnel del Central Subway, il progetto di prolungamento di una linea metropolitana che attraversa il centro della città di San Francisco.

PRINCIPALI FATTI DI RILIEVO SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA DEL PRIMO SEMESTRE 2015

1 luglio 2015 – Completate con successo le opere per l’invaso del complesso idroelettrico “El Quimbo”, nella regione colombiana del Huila, 250 chilometri a sudovest della capitale del paese sudamericano. La struttura, che ha un valore di commessa pari a circa € 450 milioni, è composta da una diga principale, da una diga secondaria e da una centrale da 400 MW.

8 luglio 2015 – Aggiudicato un contratto del valore di €770 milioni per la realizzazione dello stadio Al Bayt nella città Al Khor in Qatar, circa 50 km a nord della capitale Doha.

9 luglio 2015 – Aggiudicato un contratto del valore di €300 milioni per la costruzione di infrastrutture di urbanizzazione primaria a Shamal, un’area di sviluppo residenziale localizzata a circa 100 km dalla capitale Doha nell’estremo nord del Qatar. Il Progetto fa parte del “Framework Contract for Local Roads and Drainage Programme (LR&DP)”.

14 luglio 2015 – Il Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. nomina il Consigliere Alberto Giovannini quale Presidente della Società. Giovannini subentra a Claudio Costamagna che, a seguito della nomina a Presidente del Consiglio di Amministrazione di Cassa Depositi e Prestiti S.p.A., ha rimesso il proprio mandato di Consigliere. La designazione di Alberto Giovannini avviene in continuità con l‘alto livello di competenza e best practice di Corporate Governance adottate dal Gruppo.

22 luglio 2015 – Aggiudicato un contratto del valore di €170 milioni per la progettazione e costruzione di 20,270 km di un tratto della Autostrada A1 a sud di Varsavia in prossimità della Città di Katowice. L’opera è finanziata parte con fondi comunitari e parte con fondi pubblici polacchi.

Agosto 2015 – Contratto del valore di €470 milioni per la e costruzione di una diga in Georgia. La firma verrà comunicata nei prossimi giorni.

Riconfermati gli obiettivi di fine anno

Pietro Salini, Amministratore Delegato, ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti dei risultati del primo semestre 2015, il cui andamento è stato in linea con le nostre aspettative e con gli ambiziosi target del piano industriale 2014-2017. La robusta raccolta ordini da inizio anno, di €4,5 miliardi, conferma la crescita del nostro business e il positivo momentum del settore di riferimento, e permette al nostro portafoglio ordini di coprire oltre il 90 % del totale ricavi che ci aspettiamo di generare durante il Piano Industriale 2014 – 2017 e di presentare il rapporto tra backlog e fatturato più alto del settore “.

Share
Share