Gli italiani hanno pagato 7,4 miliardi per salvare l’Alitalia

Share

++ Alitalia divorzia da Air France, <a href=ampoule 2017 fine partnership ++” width=”338″ height=”229″ />(di ETTORE LIVINI, Repubblica) Tra aumenti di capitale, cheap cassa integrazione e amministrazione straordinaria lo Stato – secondo i calcoli dell’Ufficio studi di Mediobanca – ha versato nella compagnia 3,2 miliardi fino al 2007 e altri 4,2 negli ultimi sette anni. MILANO. Salvare Alitalia e consegnarla con i conti (quasi) a posto a Etihad è costato agli italiani 7,4 miliardi di euro. A fare i conti per la prima volta con grande precisione, mettendo insieme tutte le uscite e le entrate per lo Stato dal 1974 fino al 2014, è Mbres, l’ufficio studi di Mediobanca che ha calcolato il totale degli oneri per il paese analizzando i bilanci della gestione pubblica fino al 2007 – quando l’azienda è finita in amministrazione controllata – quelli della liquidazione in capo al Commissario e gli aiuti indiretti garantiti dalle casse pubbliche alla cordata dei patrioti che ha rilevato la compagnia nel 2008.

I primi 33 anni di vita di Alitalia (1974-2007) finiti sotto la lente degli analisti di Piazzetta Cuccia – quelli della gestione statale – sono stati, per i contribuenti tricolori, i più felici. In questi tre decenni la società ha bruciato solo – si fa per dire – 3,2 miliardi dello Stato. Il Tesoro, primo azionista del gruppo, ha pagato in quel periodo (a valori attuali, come tutte le cifre dello studio) 4,9 miliardi sotto forma di aumenti di capitale per coprire le perdite. Roma ha poi versato nelle casse dell’azienda 245 milioni come contribuiti a valere sul fondo europeo per l’addestramento dei piloti mentre altri 210 milioni sono stati messi da Fintecna per puntellare Alitalia Servizi. I soldi si sono mossi anche in direzione opposta: Alla voce delle entrate, in quegli anni via XX settembre ha incassato 972 milioni grazie al collocamento di azioni dell’aerolinea in Borsa, 862 milioni di tasse e 242 come dividendi.

Il grosso del passivo si è accumulato invece dal 2007 a fine 2014 quando la compagnia in crisi è finita in amministrazione controllata e il governo Berlusconi, rifiutata l’offerta di Air France, ha deciso di venderla alla cordata coordinata da Banca Intesa. In questi sette anni dalle casse dello stato sono usciti altri 4,1 miliardi per salvare l’Alitalia. Quasi un miliardo è andato in fumo rinunciando al rimborso del prestito ponte, ritirando le obbligazioni dal mercato e azzerando il valore di quelle già in portafoglio al Tesoro. Più di un altro miliardo è il patrimonio negativo rimasto in capo al Commissario, vale a dire la differenza tra i soldi incassati vendendo le attività del gruppo e i debiti da rimborsare. Circa 660 milioni sono stati stanziati per finanziare la cassa integrazione del gruppo (durata diversi anni) e 1,2 miliardi per il provvedimento che ha garantito il reintegro all’80% degli stipendi dei dipendenti rimasti a terra. Quattro miliardi di uscite in tutto cui si aggiunge come ciliegina sulla torta i 75 milioni versati da Poste Italiane, controllata al 100% dallo Stato, per pilotare Alitalia verso Etihad. Dal 1974 ad oggi, visti i calcoli di Mediobanca, ogni italiano – bambini e pensionati inclusi – ha pagato 125 euro di tasca propria per vedere volare in cielo la livrea tricolore di Alitalia. La buona notizia, a voler vedere il bicchiere mezzo pieno, è che da oggi a saldare il conto, con l’arrivo di Etihad, saranno di tasca loro gli emiri di Abu Dhabi.

Share
Share