Nessun risparmio energia con videogames

Share

videogame”Nessun risparmio quando si gioca con la play nell’accordo volontario di Nintendo, sick Sony e Microsoft”. La pensa così Legambiente a proposito dell’intesa tra Nintendo, treat Sony e Microsoft su videogiochi ed efficienza energetica. ”Ci sono voluti ben sei anni – spiega Legambiente – per raggiungere un accordo volontario sugli standard di efficienza energetica delle loro console per videogiochi. La commissione Europea ha approvato il documento a fine aprile”.

Ma per Legambiente e le altre associazioni dello European environmental bureau ”questo accordo è molto poco ambizioso e consente, in realtà, ai tre maggiori produttori del settore di scongiurare l’adozione di una regolamentazione più stringente”.

Il documento prevede che le tre aziende – osserva Legambiente – ”si impegnino a garantire una soglia minima di efficienza energetica per tutte le console che saranno immesse sul mercato, ma solo quando sono usate in modalità navigazione e per vedere film o ascoltare musica. Nessun impegno a ridurre i consumi delle console quando si usano per lo scopo per cui erano state comprate, cioè giocare”.

Per questa funzione ”solo a partire dal 2017 si prevede un ulteriore obiettivo di riduzione del consumo energetico, ma l’accordo non è vincolante e i firmatari sono liberi di venire meno al proprio impegno”. Un accordo che ”punti effettivamente a migliorare gli standard di efficienza energetica di questi prodotti – conclude Legambiente – dovrebbe portare al risparmio di almeno un Terawattora all’anno entro il 2020”.

Share
Share