Addio a Michele Ferrero, padre della Nutella e di una storia di successo globale

Share

images(Il Sole 24 Ore) È morto sabato pomeriggio a Montecarlo,  dopo mesi di malattia, Michele Ferrero, 89 anni, proprietario dell’omonimo gruppo dolciario. Lo rende noto la stessa azienda di Alba. L’industria italiana piange così uno degli alfieri del made in Italy nel mondo, uno dei più grandi imprenditori dell’alimentare italiano ed europeo.

Michele Ferrero è stato assistito fino all’ultimo istante dalla moglie Maria Franca e dal figlio Giovanni, salito al vertice del Gruppo come unico amministratore delegato dopo la morte nel 2011 del fratello Pietro.

I funerali si svolgeranno mercoledì alle 11 nella cattedrale di Alba. La camera ardente sarà aperta il giorno prima, martedì, dalle 8 alle 20, nello stabilimento dell’azienda ad Alba. Azienda che lo ha voluto ricordare con una immagine a tutto campo sul suo sito internet. «Siamo fieri di te. Grazie Michele» è l’addio in due lingue:?italiano e inglese.

Nato a Dogliani, un paese vicino ad Alba, il 26 aprile del 1925, è stato una figura unica nel panorama degli imprenditori italiani, portando al successo l’azienda fondata dal padre. Uomo estremamente schivo, di lui si conosce pochissimo, così come rare sono le sue fotografie. È figlio di Pietro Ferrero, un abile pasticcere di Alba che, partendo dal negozio della centrale via Maestra, avviò l’avventura industriale nel 1946, tre anni prima della sua morte nel 1949.

Per lui hanno sempre parlato i prodotti che da quasi sessanta anni entrano nelle case degli italiani: specialità internazionali come la Nutella, i Rocher, i Mon Cheri, i Tic Tac, il Kinder Sorpresa, prodotti che hanno trasformato il dolce in un alimento industriale dedicato a milioni di consumatori.

Il suo nome è legato in particolare alla Nutella. Nel 1963 Michele decise di rinnovare la Supercrema, prodotto ideato dal padre Pietro, per trasformarla in un prodotto da esportazione in tutta Europa. La composizione venne modificata, così come l’etichetta e il nome: la parola “Nutella” (basata sull’inglese “nut”, “nocciola”), e il logo vennero registrati poco dopo. Il primo vaso di Nutella uscì dalla fabbrica di Alba il 29 aprile del 1964. Il prodotto ebbe un successo immediato ed è tutt’oggi il portabandiera dell’azienda in tutto il mondo, con 1,7 miliardi di fatturato.

In una rara intervista per una pubblicazione aziendale, anni fa, Michele Ferrero ha detto: «La mia unica preoccupazione è che l’azienda sia sempre più solida e forte per garantire a tutti coloro che ci lavorano un posto sicuro». Per il territorio di Alba e delle Langhe la Ferrero è tuttora uno dei principali datori di lavoro e un motivo d’orgoglio per la sua gente.

Quella di Michele Ferrero è una lunga storia di successo imprenditoriale, che lo porta anche ad essere, secondo Forbes, l’uomo più ricco d’Italia (23,4 mld di dollari al 2014) e il 29° al mondo. Oggi il gruppo Ferrero realizza ricavi per oltre 8 miliardi in oltre 50 Paesi e con 20 stabilimenti e 34mila addetti.
Negli ultimi anni il colosso di Alba ha accentuato il processo d’internazionalizzazione, investendo centinaia di milioni per la costruzione di stabilimenti in Messico, Turchia e Cina. La scorsa estate Ferrero ha messo a segno in Turchia un’acquisizione (fatto raro nella sua storia) strategica nell’area delle materie prime: ha rilevato il 100% del gruppo familiare Oltan, uno dei leader mondiali nella produzione e commercializzazione della nocciola, con un fatturato superiore ai 500 milioni di dollari.

Quattro anni fa la famiglia Ferrero aveva sofferto un’altra tragedia. Pietro Ferrero, figlio di Michele, amministratore delegato del gruppo insieme al fratello minore Giovanni, era morto per un infarto in Sud Africa mentre si stava allenando in bicicletta. Aveva 47 anni.

Share
Share