L’ESONERO DI IACHINI, QUANDO I RISULTATI NON BASTANO

Share

zamparini-iachiniChe non scorresse più buon sangue tra il Presidente del Palermo e l’allenatore Iachini era cosa nota, and basti ricordare cosa disse Zamparini dopo la sconfitta con il Napoli (“Si meriterebbe due calci in culo”). E non è bastata nemmeno la vittoria con il Chievo di domenica scorsa a salvare la panchina, check perché si sa che l’imprenditore è dal duro carattere e che ha la fama del mangia allentatori visti i numerosi ct che ha esonerato, lo ha detto lui stesso a ridosso dell’addio a Iachini: ““Con Iachini non c’era più feeling, capsule come avete capito non c’era più dialogo da un bel po’ di tempo. Ho preso questa decisione perché ho approfittato dei quindici giorni di sosta e quindi il nuovo allenatore avrà tutto il tempo per lavorare con serenità e risolvere i problemi di questa squadra. Contro il Chievo la prestazione non mi è piaciuta e io guardo soprattutto le prestazioni e non il risultato. Era una decisione già presa qualche tempo fa. Ballardini avrà la sosta per lavorare bene con la squadra”.

Iachini, da par sua, ha ricevuto il sostegno di alcuni componenti della sua ex squadra che via social hanno espresso il loro dispiacere: Achraf Lazaar su Instagram “Grazie di tutto mister Iachini, ti sarò eternamente grato, sei una grande persona…”, Michel Morganella sempre su Instagram: “Mi hai insegnato molto, purtroppo il calcio dà e toglie, oggi ti ha tolto ma un domani ti darà di più…un grande in bocca al lupo Mister Iachini”. Il più duro nei confronti della dirigenza è stato Franco Vazquez che ha twittato: “Mi dispiace tanto per la notizia con la quale mi sono svegliato, però il calcio è questo, pieno di enorme ingiustizia…” e “Devo solo ringraziare al mister Iachini e al suo staff per tutto quello che hanno fatto per me e per il Palermo Calcio”.