Saldi, domani al via per tutti. Codacons: “Dopo 8 anni torna a crescere la spesa”

Share

SaldiSecondo Confcommercio, sickness ogni famiglia spenderà in media per l’acquisto di articoli di abbigliamento e calzature in saldo circa 230 euro per un valore complessivo intorno ai 3, online 6 miliardi di euro. La spesa pro-capite sfiora i 100 euro, click in lieve crescita rispetto allo scorso anno

Dopo Campania e Basilicata dove sono iniziati ieri, da domani i saldi estivi partiranno anche nelle altre regioni. Secondo le stime dell’ufficio studi di Confcommercio, ogni famiglia spenderà in media per l’acquisto di articoli di abbigliamento e calzature in saldo circa 230 euro per un valore complessivo intorno ai 3,6 miliardi di euro. La spesa pro-capite sfiora i 100 euro, in lieve crescita rispetto allo scorso anno. Proprio su questo aspetto si concentra il Codacons, secondo il quale gli sconti sono attesi con grandi aspettative dai commercianti per recuperare il calo delle vendite dell’ultimo periodo: “Per la prima volta da 8 anni le svendite di fine stagione potrebbero finalmente registrare numeri positivi sul fronte degli acquisti”.

Le vendite estive rappresentano sempre un momento di richiamo per le famiglie, anche se negli ultimi anni la quota destinata a questo tipo di acquisto si è ridotta costantemente in linea con le esigenze di un bilancio familiare condizionato da un calo del reddito disponibile.

“Dopo l’ingorgo fiscale di giugno – afferma Renato Borghi, presidente di Federazione moda italia e vicepresidente di Confcommercio – è finalmente stagione di saldi. Secondo le nostre stime, i consumatori italiani tenderanno sostanzialmente a confermare i budget dell’anno scorso, anche se con piccoli assestamenti al rialzo. Speriamo, però, che ai maggiori ordinativi effettuati da molti nostri operatori, soprattutto nelle città più turistiche in previsione dell’esposizione universale, possano corrispondere maggiori acquisti da parte della clientela straniera, amante del bello e del Made in Italy, che – auspichiamo – raggiungerà l’Italia anche per vivere l’Expo. I saldi – continua Borghi – continuano ad intercettare l’attenzione dei consumatori italiani e stranieri. E rappresentano un banco di prova anche per gli operatori commerciali che arrivano a questo appuntamento sfiancati da sette anni di contrazioni di fatturati e da marginalità sempre più risicate”.

“Sicuramente non ci sarà alcun boom delle vendite, e la partenza dei saldi di domani, anche a causa del forte caldo e delle condizioni di bel tempo che spingeranno i cittadini al mare, sarà lenta – spiega il presidente del Codacons, Carlo Rienzi -. Si registra tuttavia quest’anno una maggiore propensione all’acquisto da parte dei consumatori e un generale clima di fiducia”, dice ancora l’associazione dei consumatori. Come spesso accade in questi casi, però, le stime sono ‘a elastico’: per il Codacons, “a fine periodo i saldi potrebbero segnare un incremento delle vendite del +3% rispetto allo scorso anno, con uno scontrino medio attorno ai 67 euro procapite”.

(La Repubblica)