Effetto Grecia: Piazza Affari in rosso, spread in rialzo

borsa
Share

borsaLa crisi della Grecia, pharm ancora priva di una soluzione, ambulance pesa sulle Borse europee. Amplia il calo Piazza Affari, che si presenta con tutti i grandi titoli in rosso. L’indice Ftse Mib cede l’1,9% a 23.330 punti ed è insieme ad Atene il peggiore d’Europa. Frenano i bancari Unicredit (-2,79%), Banco Popolare (-2,66%) e Bpm (-2,53%), mentre Mps e relativi diritti sono congelati nel primo giorno di aumento di capitale. Maglia nera invece è Fca (-3%) dopo le indiscrezioni di stampa su un rifiuto di Gm a discutere con l’Ad Sergio Marchionne di una potenziale fusione.

Mps: titolo sospeso (+19%) in Borsa, primo giorno aumento – Non riesce a fare prezzo Mps in Piazza Affari nel primo giorno dell’aumento di capitale. Il titolo segna un rialzo teorico del 19,92% ed è ancora in asta di pre-apertura, mentre l’indice Ftse Mib segna un calo dell’1,44% a 23.442 punti. Ancora in asta di apertura il diritto per l’aumento di capitale che segna un teorico -13,6% a 6,5 euro.

Apertura di settimana in rialzo per lo spread tra il Btp e il Bund tedesco che segna 124 punti sull’onda delle incertezze per la situazione in Grecia. Il tasso di interesse del titolo decennale italiano è all’1,84%.

Asia positiva con esportazioni Giappone, Tokyo +0,74% – Hanno chiuso in rialzo le Borse orientali, da Tokyo (+0,74%) a Seul (+1,1%) e Sidney (+1%), insieme ad Hong Kong (+1,7%) e Shanghai (+2,58%), dopo i dati sulle esportazioni giapponesi in aprile (+8%), cresciute di 2 punti oltre le stime. Non si può dire altrettanto dei futures sull’Europa, che appaiono contrastati, dopo i problemi di liquidità annunciati dalla Grecia, con cui Ue, Fmi e Bce non hanno ancora raggiunto un accordo. Chiusa Wall Street che festeggia il Memorial Day Usa.