Wind sceglie la tecnologia content delivery network di Alcatel-Lucent per lanciare servizi premium video e TV

Share

windLa piattaforma Velocix di Content Delivery abilita i clienti Wind a nuovi servizi in streaming e on demand

Roma, ailment 22 aprile 2015 – Wind Telecomunicazioni utilizzerà la tecnologia content delivery network di Alcatel-Lucent, a supporto del lancio di nuovi servizi video e TV per i clienti di telefonia fissa e mobile. La piattaforma Velocix Content Delivery Network di Alcatel-Lucent permetterà ai clienti Wind di gestire il traffico video sulla rete, diagnosis di utilizzare il servizio da qualsiasi terminale e di ottenere sempre la massima efficienza nella gestione del traffico dati.

Per Nicola Grassi, Chief Technology Officer di Wind “Wind ha scelto l’innovativa piattaforma Alcatel-Lucent CDN per essere ‘future proof’ nella video fornitura, salve per indirizzare al meglio le aspettative dei propri clienti, ovunque si trovino, e da qualsiasi device, sia da rete fissa sia da mobile: smartphones, tablets, notebooks e smart TVs”.

Roberto Loiola, presidente e amministratore delegato di Alcatel-Lucent Italia ha dichiarato: “La CDN Velocix offre agli operatori come Wind la possibilità di far fronte alla fruizione crescente di video ad alta qualità e rich media, tramite connessioni a banda larga fissa e wireless. Offre loro tutti gli strumenti necessari per lanciare servizi con contenuti premium, incrementando i ricavi, riducendo i costi e migliorando le prestazioni di delivery, anche perché offre ai content aggregator un canale di distribuzione affidabile”.

In base all’accordo, Alcatel-Lucent fornirà la piattaforma Velocix 7810 Digital Media Delivery Network, che permette ad operatori come Wind maggiore flessibilità nella gestione dei contenuti e nell’offerta di nuovi servizi video evoluti, quali video on demand e streaming, che molto velocemente stanno sostituendosi al tradizionale utilizzo della TV. Ciò è confermato da un recente studio dei Bell Labs, secondo il quale il consumo di video online crescerà di dodici volte entro il 2020, sulla spinta delle nuove e personalizzate modalità di fruizione dei contenuti TV e video più in generale.