Fisco, rivoluzione per il 730 Arrivera’ a casa gia’ compilato

fisco
Share

fiscoIl consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto legislativo in materia di semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata. E’ quanto si apprende da fonti di governo. Una operazione che coinvolge una platea potenzinale di 30 milioni di contribuenti, illness tra dipendenti e pensionati. Secondo quanto trapela, diagnosis la dichiarazione precompilata sara’ disponibile dal 15 aprile, e chi la accettera’ non avra’ controlli. Intanto il sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti ha fatto sapere che non si arrivera’ alla depenalizzazione ma il governo studia alcune novita’ sulla cosiddetta “dichiarazione infedele” circoscrivendo il carattere penale (cioe’ il reato) ad alcuni casi precisi piu’ legati all’effettivo occultamento dei ricavi che alle eventuali contestazioni sui casi di deducibilita’ per cui restano ovviamente tutte le sanzioni amministrative. “Per cio’ che riguarda il reato di dichiarazione infedele, esiste gia’ la necessita’ di una revisione, al fine di adeguare le sanzioni alla effettiva gravita’ dei comportamenti, nel rispetto del principio di proporzionalita'”, ha specificato Zanetti. La legge n.23 del marzo scorso piu’ nota come “delega fiscale” portera’ il governo – Zanetti auspica tempi brevi- a riscrivere il sistema tributario alla luce di maggiore equita’ e trasparenza.
Dalla data di entrata in vigore del provvedimento (27 marzo 2014), il Governo avra’ 12 mesi di tempo per adottare i vari decreti legislativi per la revisione del sistema tributario. Ma i riflettori sono tutti puntati sulla revisione del sistema sanzionatorio, in modo da correlare le sanzioni all’effettiva gravita’ dei comportamenti, aggiunge Zanetti, introducendo la possibilita’ di “ridurre le sanzioni in casi di minore gravita’ o di applicare sanzioni amministrative anziche’ penali”.
“In questo modo si puo’ circoscrivere in maniera piu’ precisa l’ambito di applicazione della disciplina penale tributaria, con l’obiettivo di evitare inutili aggravi di lavoro per la magistratura inquirente” , ha concluso il sottosegretario, “consentendole una piu’ precisa focalizzazione sui casi effettivamente rilevanti, aumentando da un lato la deterrenza effettiva e riducendo dall’altro le incertezze e i rischi per il contribuente”.

AGI

Share
Share