Fiat, recesso a 463 milioni di euro

fca
Share

fcaL’indomani dei dati boom di vendita di Chrysler negli Usa, look arrivano le specifiche sulle azioni di recesso Fiat in attesa della quotazione, sales il 13 ottobre, della nuova società Fiat Chrysler Automobile al Nyse di New York. E’ di 463,3 milioni di euro il controvalore complessivo del diritto di recesso esercitato dagli azionisti Fiat: in tutto circa 60 milioni di azioni con un valore di liquidazione di 7,727 euro. La fusione con Chrysler era subordinata al fatto che l’importo non superasse i 500 milioni di euro. Il dato definitivo è stato comunicato dal Lingotto.
Le azioni oggetto di recesso, spiega il Lingotto in una nota ufficiale, devono essere offerte in opzione agli azionisti Fiat che non hanno esercitato il recesso al valore di liquidazione. L’offerta rimane aperta da domani fino al 6 ottobre. La soglia di 500 milioni di euro riguarda, oltre all’esborso per il recesso, anche quello per le eventuali opposizioni dei creditori.
La procedura si concluderà il 6 ottobre: in questa data se risultassero azioni non collocate la società potrà procedere al loro collocamento mediante offerta in Borsa al valore di liquidazione. L’offerta, se effettuata, dovrà durare almeno un giorno. Le azioni non acquistate, dopo 180 giorni dalla data in cui l’esercizio del diritto di recesso è stato comunicato, dovranno subordinatamente al verificarsi della fusione, essere acquistate dalla nuova società.

Milano Finanza

Share
Share