MANNA (EVELINA)

Share

Evelina Manna
Ho ballato con Alessandro Magno
Mamma e papà non volevano che facesse l’attrice, ma lei è riuscita a conquistare Oliver Stone, ed è l’unica italiana nel cast di Alexander. Ora punta in alto e vuole ruoli impegnati. Timida, gelosa, seducente, invidia l’astuzia di Berlusconi e l’eleganza dei Kennedy. Ma è rassegnata:

Manna_Evelina002

di Cesare Lanza Capital

E’ una bellezza vera. Quando arriva al bar del grande albergo nel centro storico di Roma, dove ci siamo dati appuntamento, tutti si voltano a guardarla. Eppure, è vestita e truccata acqua e sapone. Arrossisce un po’. Sento addosso occhi invidiosi, per il semplice privilegio, che ho, di salutarla abbracciandola e di sedermi con lei, a chiacchierare confidenzialmente. E’ Evelina Manna, romana, segno astrologico cancro con ascendente scorpione, top model, attrice emergente a livello internazionale: Oliver Stone l’ha scelta (unica italiana) per il suo “Alessandro Magno”, il kolossal in uscita in Italia nel 2005. Evelina è la principessa Sim, che accoglie voluttuosamente il condottiero, Colin Farrell, e danza per lui e con lui.
Era emozionata?
“Abbiamo girato otto giorni, per le mie scene. Stone è incontentabile, come tutti i
grandi. E’ un personaggio scorbutico, ma di straordinaria sensibilità. Più che l’emozione del ballo con Alessandro Magno, avevo l’ansietà di far bene di fronte a uno dei più grandi registi del mondo. E di risultare seduttiva, come desiderava lui.”
E siamo qui per parlare di questo. Cos’è la seduzione, in poche parole, per lei?
“L’eleganza di John John Kennedy. La passionalità di Che Guevara. L’astuzia di
Silvio Berlusconi.”
E quando non ci sono protagonisti di questo calibro? Nella vita quotidiana, dico.
“La seduzione è gentilezza. In un uomo trovo seduttiva anche la fragilità, un pizzico di debolezza.”
Faccia l’identikit dell’uomo seduttivo ideale, per lei.
“Età: quarantenne. Segno astrologico, cancro. Peso: non mi dispiace anche un po’
grassoccio, orsetto. Occhi neri. Naso camuso. Bocca a cuore, labbra carnose. Spiritoso e paziente. Intelligenza sottile, allusiva. Carattere tranquillo. Generoso. E mai geloso. Protettivo, ma non invadente. E’ sufficiente?”
Direi di sì. Difficile da trovarsi, però.
“Difatti.”
Immaginiamo questa scena. Lei è a un ricevimento affollato. Cosa deve fare di
seduttivo, un uomo interessato a lei, per farsi notare?
“Basta un piccolo gesto gentile, prevenire un mio desiderio. Come portarmi da bere. O accendermi una sigaretta prima che mi guardi intorno, come fece Roberto Rossellini con Ingrid Bergman, al loro primo incontro.”
E lei come manifesta il suo interesse per un uomo?
“Divento timidissima. Buffa, quasi goffa. Arrossisco. La tigre che diventa gatta. Ma
dev’essere uno che mi piace davvero!”
E qual è l’ideale ritratto di una donna assolutamente seduttiva?
“Dovrebbe avere la bellezza intelligente di Ingrid Berman, la sensualità a pelle di
Rita Hayworth, la passionalità e l’energia di Nannarella, Anna Magnani.”
Una donna seduttiva può avere difetti?
“In una donna seduttiva i difetti diventano virtù, elementi di attrazione.”
Lei ha difetti?
“Molti. Sono ritardataria. E possessiva, capace di scenate da mille e una notte! Mi
considero una trapezista, che vive sempre senza rete. Mi butto. Affronto i rischi, le difficoltà senza pensarci due volte. Fin da bambina. Tutta la mia carriera e le mie scelte artistiche sono state costruite “contro” la mia famiglia di origine, meridionale e tradizionalista. E poi sono rompipalle, cervellotica. Mi butto subito e poi rimugino su tutto, dentro di me. Insomma, sono complicata. Ma sincera. Anche se non mi vorrà più nessuno, dopo questo autoritratto.”
In cosa consiste il suo fascino?
“Qualcuno dice che sono carnale e cerebrale.”
Qual è il suo rapporto con il sesso?
“Scabrosamente classico.”
E che vuol dire?
“Niente stranezze. Però, come si dice a Roma, lascia fare a me.”
Temperatura fredda o calda?
“Ho un focolaio, dentro.”
E cosa accende il focolaio?
“Potrei dire, come tante, l’allegria… Ma più di tutto mi piace mangiare e bere. Bene.”
Cosa l’attira, subito, in un uomo?
“L’odore. Non il profumo, per carità. L’odore. L’odore della pelle. E forse sbaglio a
dirlo.”
Perché?
“Non vorrei dare un’immagine sbagliata. Artisticamente, mi piacerebbe fare ruoli di
donna assai lontane dalla sensualità: una suora, una santa…”
Riferirò. Ma, fisico a parte, cosa la conquista, di un uomo?
“La follia, meglio se un po’ geniale. La capacità di sorprendermi.”
Potrebbe amare un uomo senza andarci a letto?”
“Certamente sì.”
Potrebbe andarci a letto senza amarlo?
“Sarebbe ipocrita rispondere di no.”
E qual è la cosa più fastidiosa, insopportabile in un uomo?
“Il tradimento. Intollerabile. Anche perché io, innamorata, sono fedelissima.”
Cosa potrebbe fare per un uomo?
“Qualsiasi pazzia.”
Usciamo dal bar. Tutti gli sguardi per lei. “Vede?” mi sussurra, con complicità. “Tanti
discorsi, tante chiacchiere… e poi basta solo un bel culo, per ipnotizzare voi uomini.”

cesare@lamescolanza.com

Capital luglio 2004

Be the first to comment on "MANNA (EVELINA)"

Leave a comment

Share
Share