Emilia-Romagna, banda ultra larga per tutte le scuole entro il 2022

Share

Scuole sempre più connesse e veloci, con l’arrivo della banda ultra-larga in tutti i plessi scolastici dell’Emilia Romagna entro il 2022: è stato approvato l’accordo tra Regione, ministero dello Sviluppo economico, Lepida Scpa e Infratel Spa per collegare alla rete in fibra ottica a 1Gbps le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado dell’intero territorio regionale, da Piacenza a Rimini. Le risorse disponibili ammontano a 24 milioni di euro: fondi destinati alla Regione dal Comitato nazionale Banda Ultra Larga (Cobul) del ministero dello Sviluppo economico, con l’attuazione degli interventi previsti nel Piano Scuole. Sono oltre 1.200 quelle già connesse con la banda ultra-larga, più della metà degli istituti presenti in Emilia Romagna, ma entro due anni lo saranno anche le restanti 1.173 scuole. Oltre a una rete più veloce, Lepida fornirà gratuitamente anche le attività di assistenza e manutenzione per dieci anni, in più i servizi di porta autenticata per l’accesso di studenti e docenti e il filtraggio dei siti per navigare in sicurezza. “La Regione, assieme a Lepida, ha sempre investito nel digitale. A maggior ragione – afferma l’assessore regionale alla Scuola e agenda digitale, Paola Salomoni – in un momento in cui le tecnologie digitali rappresentano uno strumento essenziale per lavorare e studiare, dotare le scuole di connessioni a banda ultra-larga è una priorità. Tutti gli istituti, dai centri urbani alle aree montane, devono essere messi nelle condizioni di usufruire delle nuove tecnologie e beneficiare così del massimo della connettività, perché – conclude – nessun comune deve rimanere indietro: sin dall’inizio della legislatura questa è stata la priorità. 

Share
Share