Amazon assumerà 1600 persone in Italia entro il 2020

Share

Si tratta di contratti a tempo indeterminato. L’azienda ha investito 1,8 miliardi di euro in Italia e entro il 2025 punta a raggiungere il 100% di energia rinnovabile in tutte le attività

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è amazon-05.jpg

Amazon annuncia 1.600 nuove assunzioni a tempo indeterminato entro la fine del 2020 in Italia. Lo comunica Amazon Italia in una nota sottolineando che questo incremento “porterà la forza lavoro dell’azienda a un totale di 8.500 dipendenti, rispetto ai 6.900 di fine 2019, in più di 25 sedi in tutta Italia”.

Queste nuove opportunità di lavoro sono destinate “a persone con ogni tipo di esperienza, istruzione e livelli di competenza in ambiti come lo sviluppo di software, la linguistica, la logistica, le risorse umane e IT presso il nostro Centro Direzionale di Milano, i Centri di Sviluppo di Torino e Asti; il nostro Servizio Clienti di Cagliari; i nostri Centri di Distribuzione, Depositi di Smistamento e magazzini Prime Now, in tutto il Paese”.

Nel 2019 Amazon ha investito 1,8 miliardi di euro in Italia, un risultato in crescita rispetto all’1,4 miliari del 2018, per soddisfare i clienti e supportare la trasformazione digitale dell’economia per un totale di 5,8 miliardi di euro dal lancio di Amazon.it 10 anni fa.

L’azienda sottolinea che “ciò include sia le spese in conto capitale sia le spese operative”.
Per effetto indiretto di questi investimenti, prosegue l’azienda, “più di 120.000 nuovi posti di lavoro sono stati creati nel 2019, ad esempio nei settori edilizio, logistico e dalle oltre 14.000 piccole e medie imprese italiane che usano la nostra vetrina Amazon Made in Italy o servizi come Logistica di Amazon per incrementare la propria attività e esportare i prodotti italiani in tutto il mondo.

Sono in corso ulteriori investimenti in sostenibilità per raggiungere il 100% di energia rinnovabile in tutte attività entro il 2025 e raggiungere le zero emissioni di Co2 nella propria attività a livello globale entro il 2040, dieci anni in anticipo rispetto all’obiettivo dell’accordo di Parigi, comunica infine la divisione italiana della società ribadendo così l’impegno del gigante dell’ecommerce di trasformarsi in una azienda a impatto zero.

Agi

Share
Share