Chessidice in viale dell’Editoria

Share

Soundreef, lettera a Di Maio: liberalizzazione o lasciamo Italia. Davide D’Atri, a.d. della società d’intermediazione del diritto d’autore, ha scritto il 10 dicembre una lettera al ministro dello sviluppo economico Luigi Di Maio denunciando che dal 2015 (anno del debutto nel mercato italiano) Soundreef è alle prese con una perenne ed estenuante battaglia con l’ex monopolista (Siae, ndr). «Purtroppo ci troviamo a dover dare conto anche a chi ha creduto nel nostro progetto, investendo in Italia oltre 10 milioni di euro e consentendoci di arrivare dove siamo arrivati: i nostri investitori», ha scritto D’Atri. «Non vorremmo lasciare il nostro paese, come ci è stato richiesto, qualora non si completi il processo di liberalizzazione che auspicavamo».

Rai, Bolle torna in prima serata. Rai1 scommette ancora su Danza con me, lo show di Roberto Bolle, da questa edizione ideatore, direttore artistico e protagonista del format tv. On air dal primo gennaio 2019, il programma vede anche la partecipazione di Pif, per abbinare alla danza l’elemento narrativo. Tra gli ospiti ci sono Alessandra Ferri, Cesare Cremonini, Valeria Solarino, Ilenia Pastorelli e Pierfrancesco Favino.

Fnsi in piazza a Montecitorio contro i tagli all’editoria. «Fermatevi. Ascoltate le parole in difesa del valore di un’informazione libera e plurale che per ben sette volte il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha sentito il bisogno di ribadire. Evitate che, con il taglio prospettato dal governo Lega-5Stelle, chiudano decine di testate e migliaia di lavoratori restino senza lavoro»: questo l’appello lanciato ieri dal segretario generale Fnsi Raffaele Lorusso, in apertura del presidio convocato in piazza Montecitorio, per ribadire il no alla cancellazione del contributo pubblico all’editoria.

ItaliaOggi

Share
Share