Birrai Indipendenti: nel weekend in centro a Treviso la carica dei 25mila

Share

Grande successo per la 1^ edizione trevigiana della manifestazione dedicata alla birra artigianale veneta. Soddisfatto Ivan Borsato, presidente della Categoria Birrai di Confartigianato Veneto

Birrai Indipendenti: nel weekend in centro a Treviso la carica dei 25mila. Risconto di pubblico e soddisfazione per la prima edizione di “Birrai indipendenti”, la tre giorni dedicata alla birra artigianale veneta promossa lo scorso weekend al PalaTreviso in piazza Borsa dalla Categoria Birrai di Confartigianato con il supporto di EBAV. Sono circa 25 mila i visitatori che hanno preso parte all’iniziativa. L’evento faceva parte della rassegna “Treviso Cuor di Natale” del Comune di Treviso. Parte dell’incasso è stato devoluto all’AREP di Villorba. Erano 7 i mastri birrai che hanno portato a conoscere le loro produzioni. Dalle classiche pils o lager, ma rigorosamente venete, passando per le ambrate, le super gettonate IPA, fino alle birre speciali come quelle natalizie. C’erano oltre 40 tipologie di birre da degustare da Micro Birrificio Casa Veccia – Ivan Borsato Birraio di Camalò, la Birra Mrsez di Miane, Birra La Rü di Cornuda, la Birra Camerini di Piazzola sul Brenta (PD), il Birrone di Isola Vicentina (VI), la Birracrua di Vicenza, l’Artigianale del Grillo di San Pietro di Cadore (BL). Ad accompagnare la degustazione, i piatti e le specialità del ristorante Bosketto, specializzato nella carna alla griglia, la cucina gourmet di Gustolia e i piatti della tradizione di Alle Castrette. Durante la tre giorni, gli speaker Mirko e Piero hanno intrattenuto il pubblico con battute e interviste ai vari protagonisti che hanno permesso di conoscere da vicino il mondo dei birrai artigianali. “Era una scommessa e possiamo dire di averla vinta – commenta soddisfatto Ivan Borsato, presidente della Categoria Birrai di Confartigianato Veneto – gli artigiani della birra che si sono messi in gioco offrono prodotti di qualità che sono stati assolutamente apprezzati dal pubblico. Abbiamo calcolato un’affluenza media di circa 1.000 persone all’ora e tenendo conto del periodo, siamo davvero soddisfatti. Abbiamo potuto dichiarare la nostra indipendenza dal mercato e dall’omologazione del gusto, facendo capire l’importanza della nostra eccellenza e il profondo legame con il territorio. Scommessa vinta dunque ma non ci fermiamo: vogliamo fare in modo che questo diventi un appuntamento annuale, possiamo senza dubbio migliorare alcuni aspetti e non vediamo l’ora di metterci al lavoro per continuare a promuovere la birra indipendente”.

TrevisoToday

Share
Share