Chessidice in viale dell’Editoria

Share

giornali editoria(Italia Oggi) Corsera, accordo vicino. Si profila in tempi record un’ipotesi di accordo tra azienda e rappresentanti sindacali del quotidiano di via Solferino per scongiurare il ricorso a un nuovo piano di solidarietà. Come anticipato ieri da ItaliaOggi si va delineando l’avvio di un nuovo stato di crisi a partire da gennaio con la previsione del ricorso a prepensionamenti e pensionamenti oltre all’utilizzo della cassa integrazione per un numero di dipendenti ancora da definire (nel dettaglio, cig a rotazione fino a fine anno e da gennaio cassa integrazione a zero ore per un numero di lavoratori sempre da quantificare). Sul piatto, come anticipato, anche la riduzione del borderò redazionale, cioè dei compensi dei collaboratori del quotidiano e un piano di smaltimento delle ferie arretrate da parte dei giornalisti. La palla ora passa alla Gazzetta dello Sport che si siederà oggi al tavolo con l’azienda per studiare il percorso da seguire. Al tavolo delle trattative ora sono attesi solo i rappresentati sindacali del corpo impiegatizio per una risposta alla proprietà che possa scongiurare eventuali misure drastiche.
News Corp taglia 100 posti e punta sul digitale. Riorganizzazione in vista per News Corp, il colosso dei media del magnate australiano Rupert Murdoch, che sta portando avanti un’ampia riorganizzazione delle attività editoriali. L’obiettivo è spostarsi sempre di più verso il settore digitale. Come riporta il Wall Street Journal, che cita un memo interno di Gerard Baker, direttore di Dow Jones e Wall Street Journal, l’obiettivo della «trasformazione delle redazioni è ambizioso, ma semplice: continuare a essere i primi sulle notizie digitali al mondo». Secondo indiscrezioni, i tagli inizieranno in queste ore e continueranno nelle prossime settimane e mesi, per arrivare a oltre 100 in totale. Nell’ambito dell’operazione, Dow Jones chiuderà le redazioni a Praga e Helsinki e ridurrà lo staff nelle altre sedi in Europa e Asia. Il sito Bahasa Indonesia sarà chiuso e lo stesso succederà ad altri siti più piccoli. Allo stesso tempo però Dow Jones assumerà personale in alcune aree, come le offerte mobile e i grafici interattivi e investirà nelle aree che secondo i vertici si occupano «della copertura delle notizie core», fondamentali, come l’economia e i mercati.
Rai, nel primo trimestre risultato netto in pareggio. Nel primo trimestre 2015 il Gruppo Rai ha registrato un risultato netto di sostanziale pareggio, +0,5 milioni. Un risultato che sconta, ha fatto rilevare l’azienda di viale Mazzini il cui cda ieri ha preso in esame i dati, l’effetto di decurtazione dei proventi da canone operato dalla legge 190/2014 (il prelievo forzoso di 150 mln, ndr) e una ulteriore riduzione dei ricavi. Il sostanziale pareggio è stato realizzato «grazie alla continuazione nel trimestre delle azioni di contenimento costi impostate negli anni precedenti». Nello stesso periodo si è inoltre ridotto l’indebitamento finanziario, attestatosi a fine marzo su un valore di 73,8 milioni di euro, con una diminuzione di 241 milioni rispetto ai 315 milioni di dicembre 2014 e in calo di circa 187 milioni rispetto al dato relativo alla fine del primo trimestre 2014.
Arianna Huffington: altri quattro anni all’Huffington Post. Focus sulla produzione video. La fondatrice del sito di informazione giornalistica Huffington Post ha annunciato ieri tramite un’email ai suoi follower che resterà ancora per quattro anni sulla sedia di presidente e direttore dell’Huffington Post. «Dopo tutti i miei incontri con Tim (Armstrong, ndr) e i vertici di Verizon», ha scritto riferendosi al ceo di Aol e ai proprietari della testata giornalistica, «sono arrivata alla conclusione che avremo entrambi l’indipendenza editoriale e le risorse aggiuntive per guidare il cambiamento della piattaforma per il mobile e i video». La fondatrice ha riferito che la piattaforma di news online è la prima al mondo con 200 milioni di utenti unici e che continuerà a espandersi globalmente investendo sulla produzione e distribuzione di video.
Fumetti, Focus Junior in edicola con la collana Wow. Si chiama Wow – i fumetti di Focus Junior la nuova collana che il magazine per ragazzi diretto da Vittorio Emanuele Orlando porta in edicola da sabato prossimo e per tutta l’estate. La raccolta, composta da tre volumi di 160 pagine ciascuno, contiene alcuni tra i fumetti più apprezzati in Francia: dalle avventure di Talisman e dei Cavalieri della Civetta ai viaggi nel tempo dei ChronoKids, dalle storie di Big Bang Cats agli combattimenti di Capitan Bicipiti. Senza dimenticare Titeuf, ragazzino protagonista di un fumetto che Oltralpe ha già venduto milioni di copie.
Assorel, a Moriconi le attività internazionali. Il consiglio direttivo di Assorel ha conferito la delega per le attività internazionali dell’associazione a Massimo Moriconi, general manager di FleishmanHillard Italia, Omnicom Group. Moriconi rappresenterà Assorel anche in ICCO (International Communications Consultancy Organization), l’organizzazione globale che riunisce le associazioni di categoria in 31 paesi, di cui Assorel è stata socio fondatore.
Free press, Urban raddoppia. Il free press Urban raddoppia con due edizioni straordinarie a luglio e settembre che integrano la sua periodicità bimestrale. Si tratta di due numeri, uno dedicato all’estate e uno all’autunno, in formato e carta quotidiano e presenza con 100 mila copie su tutto il territorio nazionale.

Share
Share