Israele, da oggi nuovamente in lockdown

Share

Israele entra oggi in un secondo lockdown a livello nazionale all’inizio della stagione delle vacanze ebraiche, costringendo i residenti a rimanere per lo più a casa in mezzo a una recrudescenza di nuovi casi di coronavirus. Il blocco iniziale del Paese è stato imposto alla fine di marzo e si è attenuato a maggio quando i nuovi casi si sono ridotti a un numero molto limitato.
 Tuttavia i casi sono tornati a crescere. Il nuovo blocco, che dovrebbe iniziare alle 14 ora locale e durerà tre settimane, coincide con l’inizio del Capodanno ebraico, Rosh Hashana, tradizionalmente un momento per grandi riunioni familiari e preghiere di gruppo.
Secondo le nuove regole, gli israeliani devono rimanere entro 500 metri da casa, con eccezioni per attività come andare al lavoro, fare la spesa e camminare all’aperto per fare esercizio fisico. I luoghi di lavoro opereranno su base limitata. Le distanze sociali e i limiti al numero di fedeli entreranno in vigore nelle sinagoghe, di solito piene per Rosh Hashana e Yom Kippur, il Giorno dell’Espiazione ebraico che inizia al tramonto del 27 settembre. Dall’inizio dell’epidemia, Israele ha registrato 175.256 casi, tra cui si contano 1.169 vittime. 

Share
Share