Auto, il mercato europeo cresce ancora

fca
Share

fcaIncremento del 6, prescription 1% a settembre, +5,8% in 9 mesi. Bene Lancia e Fiat, Panda e 500 più vendute segmento

Cresce per il tredicesimo mese consecutivo il mercato europeo dell’auto. Le immatricolazioni nei 28 Paesi Ue più i 3 Efta (Islanda, Norvegia e Svizzera), secondo Acea, sono state 1.269.517 a settembre, il 6,1% in più dello stesso mese dell’anno scorso. Nei 9 mesi le consegne sono 9.906.668, il 5,8% in più dell’analogo periodo 2013. Fiat Chrysler Automobiles ha immatricolato a settembre nel mercato europeo – secondo i dati Acea – 68.837 vetture, il 6% in più dello stesso mese 2013, mantenendo stabile la quota al 5,4%. Nei nove mesi le consegne sono state 588.371, con una crescita del 2,6% sull’analogo periodo 2013 e quota al 5,9% (-0,2%).
Le immatricolazioni – ricorda l’associazione delle case automobilistiche europee – crescono a settembre nei principali mercati: +26,2% in Spagna, +6,3% in Francia, +5,6% nel Regno Unito, +5,2% in Germania e +3,3% in Italia. Nei nove mesi gli incrementi maggiori si registrano in Spagna (+17,2%) e nel Regno Unito (+9.1%), mentre la crescita è più contenuta in Italia (+3.6%), Germania (+2.9%) e Francia (+2.1%).
Fiat Chrysler Automobiles ha immatricolato a settembre nel mercato europeo – secondo i dati Acea – 68.837 vetture, il 6% in più dello stesso mese 2013, mantenendo stabile la quota al 5,4%. Nei nove mesi le consegne sono state 588.371, con una crescita del 2,6% sull’analogo periodo 2013 e quota al 5,9% (-0,2%).
Le immatricolazioni del marchio Fiat sono state a settembre quasi 53 mila, il 4,2% in più rispetto al 2013, con quota al 4,1% rispetto al 4,2% di un anno fa. Nei 9 mesi il brand ha immatricolato quasi 455 mila vetture (+2,2%) e la quota è stata del 4,6% (-0,2%). Positivi i risultati in tutti i principali mercati europei con “un vero exploit” – sottolinea Fca – in Spagna, dove in un mercato che ha segnato una crescita del 26%, il marchio ha chiuso settembre con un +34,2%. Segni positivi nel mese anche in Germania (+4,4%), in Francia (+3,2%) e nel Regno Unito (+4,5%). Ancora una volta 500 e Panda si sono confermate le due auto più vendute del segmento A: a settembre hanno ottenuto insieme una quota del 25,9%, mentre nei nove mesi la quota è stata del 28,7%. In particolare nel Regno Unito a settembre la 500 ha registrato il record di vendite dal lancio, con oltre 9 mila consegne. Mese positivo anche per la 500L che ha ottenuto una quota del 17,8% e si conferma nel periodo la più venduta del suo segmento con il 22,3%. A settembre la famiglia 500 ha aumentato le vendite rispetto allo scorso anno quasi del 15,1%, nei 9 mesi del 22,1%. La Panda a settembre mantiene la seconda posizione in Europa nel segmento A alle spalle della 500, con oltre 12 mila vendite e quasi il 10% di quota. Lancia/Chrysler ha immatricolato a settembre quasi 6.800 vetture, il 13,2% in più rispetto all’anno scorso, con una quota stabile allo 0,5%. Il marchio cresce in Italia (+26,9%) e in Francia (+1,7%). Da inizio anno il brand ha immatricolato poco meno di 56 mila vetture, il 2,4% in meno rispetto al 2013, con una quota stabile allo 0,6%. Prosegue il successo della Ypsilon che a settembre ha aumentato le vendite del 33,3% rispetto allo stesso mese di un anno fa (è stata la vettura del segmento B più venduta in Italia). Le immatricolazioni di Alfa Romeo in Europa sono state a settembre oltre 5.100 (-13,2%), per una quota allo 0,4%. Il marchio è cresciuto in Spagna e in Svizzera, rispettivamente del 7% e del 9%. Nei primi nove mesi dell’anno le Alfa Romeo registrate sono state oltre 45.500 (-10,4%) per una quota di mercato dello 0,5%, la stessa del 2013. Le vendite di MiTo sono aumentate dell’8% in Italia nei 9 mesi. Continua la crescita del marchio Jeep che a settembre in Europa ha immatricolato oltre 3.600 vetture, il 61% in più rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, per una quota dello 0,3%, in crescita dello 0,1%. Il brand ha ottenuto risultati sensibilmente migliori della media di mercato in tutti i principali Paesi europei: +44,7% in Italia, +48,9% in Germania, +27,2% in Francia, +133,7% nel Regno Unito e +31,6% in Spagna. Oltre 25 mila le Jeep registrate nel 2014, quasi il 47% in più nel confronto con il progressivo 2013 e 0,3% di quota (+0,1%). Anche nei nove mesi il risultato Jeep, in attesa della piena commercializzazione del Renegade, è migliorato in tutti i principali mercati: +40,1% in Italia, +40,6% in Germania, +38,3% in Francia, +95,1% nel Regno Unito e +8,9% in Spagna. Bene le vendite della Grand Cherokee, ammiraglia e modello di punta del brand (+44,2% nei 9 mesi) e della Wrangler (+23% a settembre). Ferrari e Maserati hanno immatricolato complessivamente 654 vetture a settembre e 6.633 nei primi nove mesi del 2014.

Ansa

Share
Share