Patenti, in Sardegna niente date per gli esami

Share

 Le autoscuole della Sardegna chiedono al ministero dei Trasporti un intervento per accelerare la programmazione delle sessioni di guida per le patenti. “Nell’isola circa 6 mila persone”, segnala la coordinatrice sarda per la Confarca, Monica Piroddi, “sono bloccate e non possono conseguire la patente. Nonostante le autoscuole abbiano ripreso l’attività dal 20 maggio, dopo l’emergenza Covid-19 ancora le motorizzazioni isolane non hanno fissato le prove pratiche. Considerato che per programmarle servono almeno 15 giorni, è segno che per giugno non se ne faranno”. Il problema riguarda sia gli esami per le patenti di categoria A e B, sia quelli per l’abilitazione alla guida professionale. “Le conseguenze non sono di poco conto, perché per tanti avere la patente significa aspirare a un impiego di lavoro”, spiega la coordinatrice sarda di Confarca. “Prime tra tutti le persone alle quali la patente serve per poter partecipare ad alcuni concorsi pubblici, a iniziare da quelli per postino e vigile urbano”.
Tra i destinatari della missiva di Piroddi anche il presidente della Regione Christian Solinas, oltre al coordinatore delle sezioni sarde della Motorizzazione, Marco Pes: “Mentre in alcune regioni, come la Lombardia e il Veneto, pesantemente colpite dal Covid, l’attività è ripresa a pieno regime, in Sardegna in pratica si è ancora bloccati”.

Share
Share