Hearst revisiona il digitale, nascono l’area Global Luxury & Fashion Brands digitale e il desk centrale

Share

Nuova impostazione per la struttura digital di Hearst. Nascono l’area Global Luxury & Fashion Brands Digital e il desk centrale per video e visual

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Hearts-Digital-1.jpg

Nuova strutturazione per il comparto digital di Hearst Digital, un fiore all’occhiello della digitalizzazione del mondo editoriale che si sintetizza in un’unica struttura e con l’esperienza maturata nel digital content che ha portato il gruppo a costruire una leadership nell’offerta editoriale in rete. A dare l’imput per la riorganizzazione, il fatturato digital, che, spiega l’editrice in una nota in cui illustra le novità, si certifica oltre al 30% della raccolta pubblicitaria totale, con risultati positivi per tutti i brand del Gruppo – Elle, Marie Claire, Elle Decoder, Esquire, Cosmopolitan e Harper’s Bazaar – e previsioni per il secondo semestre con una crescita compresa tra il 28-30% rispetto allo scorso anno.

In seguito a tali considerazioni, il country manager Hearst Italia Giacomo Moletto, il managing director content & consumer experience Massimo Russo e, l’amministratore delegato di Hearst Digital CH Simona Zanetta, hanno optato per una “impostazione e revisione dell’assetto strategico e organizzativo in grado, si spiega nel dettaglio, di sviluppare ulteriormente il settore”.

Nata per offrire produzioni digitali in formula white label per i clienti partner, italiani e internazionali e, progressivamente rafforzata da una struttura analytics, seo e content ignition, per favorire la fertilizzazione delle competenze e dei talenti digitali in una struttura focalizzata al 100% sullo sviluppo del business, tra le novità attuali: la creazione di un’area Global Luxury & Fashion Brands Digital composta da Elle, Esquire e Harper’s Bazaar, affidata ad Alan Prada. Quest’ultimo nominato editorial director global luxury & fashion brands digital. Nella sua mansione, sarà sostenuto da Barbara Digiglio in qualità di managing editor global luxury & fashion brands digital e gli sarà concessa anche la gestione digitale del brand Elle.

La seconda novità è in merito alla manager Paola Di Marcantonio – fino ad ora digital managing editor di Elle -, che diviene director di Cosmopolitan Digital, il brand Hearst dedito ai target femminili 18-35. Cosmopolitan, continua la nota, continuerà il proprio incremento social intrapreso negli ultimi due anni, che ha visto anche il lancio del marchio su TikTok.
Viene poi creata un’area video e visual, con un desk centrale ad hoc, specializzato nella produzione e distribuzione di questo tipo di contenuti. Al comando Valentina Ciannamea, che lascia l’incarico della gestione del sito di Cosmopolitan per assumere la carica di visual desk managing editor.

“Questa riorganizzazione dell’area dei contenuti ci permette di essere più efficienti ed efficaci nell’affrontare le nuove sfide determinate dal continuo evolversi del mondo digitale”, ha commentato Simona Zanette. “Oltre a rafforzare la nostra capacità di offrire non solo spazi pubblicitari, ma vera e propria consulenza, per costruire progetti di comunicazione su misura”.

“Vogliamo essere la casa editrice che accompagna, sostiene e intrattiene lettori e spettatori, aiutandoli a trovare piccole e grandi gioie e ragioni per essere ottimisti in ogni momento della loro vita”, ha spiegato Moletto. “Tenendo presente questa missione, siamo riusciti a coinvolgere online un’audience sempre più ampia e motivata anche in un anno sfidante come questo, con un lavoro che ha premiato sia chi ogni giorno si è impegnato per creare contenuti originali e innovativi sia i partner”.

Share
Share