Ecobonus, Intesa Sanpaolo disposta ad acquistare il credito d’imposta

Share

Intesa Sanpaolo (nella foto, l’a. d. Carlo Messina) metterà a disposizione di privati, condomini e aziende di ogni dimensione, soluzioni finanziarie modulari e flessibili, che consentiranno di beneficiare delle norme introdotte dal Decreto Rilancio sull’innalzamento al 110% della detrazione per le spese relative ad interventi di efficientamento energetico e di riduzione del rischio sismico.

La banca, spiega una nota, intende sfruttare le leve della propria solidità patrimoniale e dell’ampia capacità fiscale per acquistare l’acquisto dei crediti di imposta dei contribuenti, sia nella forma diretta sia attraverso la cessione alle aziende, “restituendo in questo modo quella liquidità necessaria al sistema per sostenere gli interventi di riqualificazione, contribuendo al rilancio dell’economia e all’evoluzione del patrimonio immobiliare del Paese in una logica sostenibile”.  “Intesa Sanpaolo è da sempre attenta all’efficientamento energetico e alla sostenibilità ambientale, proponendo soluzioni finanziarie per accompagnare privati e imprese al Green Deal. I nostri clienti possono contare sul nostro sostegno, sin dall’avvio dei lavori di ristrutturazione, grazie alla monetizzazione del credito fiscale, attraverso la cessione del credito. Una misura che ribadisce il nostro ruolo di banca d’Impatto a sostegno del tessuto economico del Paese”, ha sottolineato Stefano Barrese, nella foto a destra, Responsabile della Divisione Banca dei Territori del gruppo. “L’iniziativa permette di supportare l’economia reale sia attraverso la collaborazione con le imprese di grandi dimensioni sia attraverso il sostegno diretto alla rete delle numerose PMI impegnate nel settore. Si tratta di un ulteriore tassello che permette di agevolare le attività imprenditoriali e il relativo accesso al credito, in linea con le linee guida strategiche del gruppo Intesa Sanpaolo volte ad integrare e sostenere le filiere produttive e l’occupazione di migliaia di lavoratori in questo momento estremamente delicato”, ha aggiunto il responsabile della divisione Corporate e Investment banking, Mauro Micillo. 

Share
Share