Bergoglio, il parroco del mondo

Share

(di Stefano Crisci) Alcuni giorni fa su queste colonne analizzavo un titolo fuorviante di un articolo di Ernesto Galli della Loggia che definiva il Papa “poco politico” E senza azioni eclatanti di “innervatura” religiosa.
Riprendo quindi il tema perché da allora osservo e cerco di leggere tra le righe della semplice parola del sommo pontefice. Alla vigilia della festa della Pentecoste, Papa Francesco ha pregato e detto il rosario nei giardini del Vaticano davanti a tutti i santuari Mariani del mondo. Successivamente, in una splendida omelia e poi nell’Angelus ha invitato tutti i fedeli a ricordare che tutti i cristiani battezzati con il crisma dello Spirito Santo sono amati in egual misura da Dio e tutti sono membri del c.d. “cda spirituale”. Papa Francesco ha invitato a pregare affinché i tre nemici accovacciati davanti all’uscio di casa: narcisismo, vittimismo e pessimismo scompaiano per sempre dalle nostre vite. Essi rappresentano la vera e propria carestia della speranza.
C’è un dramma da evitare dopo questa pandemia; è il dramma di sprecare questa crisi chiudendoci in noi stessi. Dobbiamo trovare il coraggio di uscire fuori per trovarci in una unica famiglia al servizio dei poveri nel mondo.

Share
Share