Class Editori, web in crescita. La raccolta dei canali tv a +8,8%

Share

Il cda approva i risultati consolidati dei primi nove mesi dell’anno

class editoriIl consiglio di amministrazione di Class Editori spa, riunitosi ieri a Milano, ha approvato i risultati consolidati relativi ai primi nove mesi dell’anno.
Andamento della gestione
I ricavi dei primi nove mesi del 2016 sono stati pari a 48,89 milioni di euro contro i 54,23 milioni di euro dello stesso periodo dell’esercizio precedente. La raccolta pubblicitaria ha segnato una riduzione del 5,4% rispetto allo stesso periodo del 2015, ma, a parità di media e di numero uscite dei periodici, ha evidenziato un incremento del 3%. I canali televisivi hanno ottenuto una crescita pubblicitaria dell’8,8%, trainata dal +19,4% di Class CNBC. Il comparto dei periodici ha segnato un -1% (a parità di numero di uscite +12,9%) ottenuto con nuovi format speciali come Capital #1, Class Digital Experience Week e Gentleman Le Icone del XXI Secolo, evidenziando la capacità della casa editrice di offrire iniziative originali e apprezzate dal mercato. In controtendenza la raccolta sui siti web, dove la casa editrice ha registrato un +3,3% nei primi nove mesi contro il -2,2% del mercato, grazie a un +20% della raccolta in settembre, primo segnale della riorganizzazione della struttura di vendita della pubblicità digitale. I costi operativi dei primi nove mesi del 2016 sono stati quindi pari a 56,70 milioni di euro (59,62 milioni di euro nello stesso periodo del precedente esercizio, -4,9%).
Il margine operativo lordo (Ebitda), a causa della riduzione dei ricavi derivante dalle condizioni di mercato su esposte, è pari a -7,81 milioni di euro. Il risultato della gestione non ordinaria è positivo per 4,03 milioni di euro (-0,53 milioni euro al 30 settembre 2015). Il saldo include il provento della controllata Class China eCommerce per 4,10 milioni di euro relativo al parziale corrispettivo del minimo contrattuale riferito al primo anno di vigenza del contratto previsto negli accordi con CCIGMall. Il risultato operativo (Ebit) dei primi nove mesi del 2016 è pari a -9,95 milioni di euro (-11,81 milioni di euro al 30 settembre 2015). Il risultato di gruppo dei nove mesi è pari a -13,80 milioni di euro (-14,71 milioni di euro dello stesso periodo del 2015).
La posizione finanziaria netta della casa editrice presenta alla data del 30 settembre 2016 un saldo pari a 64,1 milioni di euro, rispetto ai 65,5 milioni dei primi sei mesi 2016 e ai 60,9 milioni al 31 dicembre 2015.
Andamento del terzo trimestre 2016
I ricavi del terzo trimestre 2016 sono stati pari a 12,86 milioni di euro (15,36 milioni di euro nel terzo trimestre 2015), mentre i costi operativi si sono ridotti del 10,5%. L’Ebit del terzo trimestre è pari a -1,02 milioni di euro (-5,62 milioni di euro nello stesso periodo del 2015) mentre il risultato netto è pari a -1,85 milioni di euro (-6,56 milioni di euro nel medesimo periodo del 2015); al netto degli interessi di minoranza il risultato netto di gruppo è pari a -3,33 milioni di euro (-6,54 milioni di euro nello stesso periodo del 2015).
Nei primi nove mesi dell’esercizio, il sito web di Milano Finanza ha registrato, secondo quanto certificato dai dati reali di traffico dei sistemi digitali di Analytics, una crescita su base annua del 29,5%, con una media giornaliera di 117.361 utenti unici (90.630 nei primi nove mesi del 2015).
Milano Finanza nella sua versione cartacea e digitale ha registrato nei nove mesi una diffusione media di circa 70 mila copie (73 mila la media del 2015), Class di 40 mila copie (40 mila la media del 2015), Capital di 41 mila copie (43 mila la media del 2015).

ItaliaOggi

Share
Share