Nasce miocinema.it, la piattaforma on line per film in streaming e anteprime esclusive

Share

Un luogo virtuale dedicato agli appassionati del cinema d’autore, pensato per la fruizione on demand e al contempo come sostegno da parte della comunità territoriale alle sale cinematografiche di riferimento

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Pellicola-cinematografica.jpg

Nel ripensamento dei metodi di accesso ai contenuti culturali in seguito all’emergenza Coronavirus, anche il cinema pone davanti a sè possibili scenari alternativi di fruizione. Mentre l’Academy cambia le regole e permette di accedere alle candidature degli Oscar anche i film che debuttano in streaming, in Italia nasce una piattaforma che vede stringere un’inedita sinergia, quella tra le sale cinematografiche e l’universo digitale: Miocinema è un’iniziativa a cura di Lucky Red, Circuito Cinema e My Movies, che permette al pubblico virtuale di accedere a film in streaming, promozioni, contenuti originali, servizi, informazioni, masterclass e anteprime esclusive.

Nella preclusione della sala cinematografica, non tutto è perduto per quest’ultima, dato che il 40% del costo del biglietto, pari a circa 7 euro, sarà devoluto agli esercenti: subito dopo la registrazione gratuita alla piattaforma, l’utente infatti sarà invitato a scegliere la sua sala di riferimento tra i cinema aderenti nel proprio comune di residenza. Ruolo attivo dunque per la comunità territoriale, che potrà sostenere la propria sala del cuore.

Il debutto è previsto il 18 maggio con “Les Miserables” di Ladj Ly, presentato allo scorso Festival di Cannes a cui seguiranno altri titoli di qualità, come l’ultimo film di Xavier Dolan “Matthias & Maxime”, “Dopo il matrimonio” con Julienne Moore e Michelle Williams o “Il meglio deve ancora venire” con Fabrice Luchini e Patrick Bruel. In questa prima fase le sale associate sono oltre 100 con più di 7 milioni di spettatori potenziali. Non è prevista una formula di abbonamento mentre il singolo film è a dispozione dell’utente per 30 giorni e per 48 ore dopo il primo “play”. Le case di distribuzione coinvolte al momento sono LuckyRed, Bim, Officine Ubu, Cinema di De Paolis, Teodora, Vision e 01 Rai.

“MioCinema nasce con l’idea di portare in rete le persone che amano il buon cinema visto sul grande schermo – spiega Andrea Occhipinti, presidente della casa di produzione Lucky Red – sembra un paradosso ma non lo è. Queste persone sono oggi private di questa esperienza a causa dell’emergenza che stiamo vivendo. Vogliamo offrire loro la possibilità di vedere i grandi film che sarebbero andati in sala, attraverso una piattaforma digitale. Uno strumento che serva anche a tenere informato il pubblico sui film che usciranno quando le sale riapriranno. L’auspicio è che la piattaforma diventi, quando la situazione sarà tornata normale, un’estensione digitale del cinema, dove poter trovare tutto quello che non è più in sala”.

L’idea è infatti quella di “proteggere” i film d’autore, proponendoli attraverso un circuito esclusivo e interamente dedicato. Nel caso di “Les Miserables” l’acquisto del biglietto darà diritto ad accedere anche alla visione di alcuni film Palma d’oro degli anni scorsi a un prezzo molto vantaggioso. Una volta indicato il proprio cinema, sarà possibile poi consultare l’offerta di film in premium video on demand e di quelli della library on demand accuratamente selezionati e tematizzati.

“Senza la presenza delle sale cinematografiche la piattaforma MioCinema non esisterebbe – aggiunge Antonio Medici, presidente di Circuito Cinema
– non avrebbe motivo di esistere. Fin dall’inizio noi tutti abbiamo sentito la necessità di mantenere aperto il dialogo fra le nostre sale e il nostro pubblico, accompagnandolo in questi mesi difficili – che noi consideriamo solo transitori – e soprattutto accompagnandolo al momento della riapertura delle sale. MioCinema è per noi un luogo privilegiato dove coltivare la propria passione per il buon cinema, dove prepararsi per quando potremo nuovamente e finalmente dire questa sera andiamo al cinema”.


Sveva Alagna, Today.it

Share
Share