Attesa per le spiagge della Sardegna, 7-10 giorni per la verifica

Share

In Sardegna la Regione non ha ancora deciso con quali prescrizioni riaprire le spiagge. Il presidente Christian Solinas, ieri sera in una videoconferenza stampa sulla fase 2 dell’emergenza Covid-19, ha segnalato l’esigenza di “qualche giorno di verifica per poter ripartire entro i prossimi 7-10 giorni, con le differenze del caso fra la spiaggia libera, che dovrà restare gratis per i sardi e senza oneri aggiuntivi, e le spiagge in concessione che offrono servizi con remunerazione”. “Abbiamo appena ricevuto il disciplinare dell’Inail”, ha spiegato Solinas. “Lo stiamo valutando col comitato tecnico-scientifico e lo faremo anche con gli operatori per contemperare le ragioni della tutela sanitaria con le criticità in sede applicativa generate delle misure di sicurezza e la dislocazione di ombrelloni e sdraio. Dobbiamo verificare che queste norme rendano l’attività economica sostenibile”.
“Per verificare come adattare le prescrizioni al sistema sardo, chiederò al comitato tecnico-scientifico”, ha poi aggiunto il presidente, incalzato dalle domande dei giornalisti, “di valutare attentamente se e in che misura ci si possa discostare per limitare i disagi per cittadini e operatori, mantenendo comunque un livello di tutela e prevenzione assolutamente alto. Non possiamo permetterci alcuna distrazione, abbiamo bisogno di continuare con la responsabilità e l’attenzione mantenuti finora”. 

Share
Share