Cuzzupi : “In piazza per difendere l’aeroporto e il diritto alla mobilità dei reggini”

Share

Il governo nazionale deve agire e deve farlo in fretta. L’aeroporto di Reggio Calabria non può rimanere chiuso neanche per un giorno. Sarebbe inaccettabile per il destino della nascente città metropolitana e per gli stessi reggini che non possono più subire limitazioni ai propri diritti costituzionalmente sanciti”.
La segretaria regionale della Ugl Calabria Ornella Cuzzupi interviene per chiedere il massimo dell’attenzione possibile di politica e Istituzioni in un momento assai delicato per il futuro del “Tito Minniti”. Si avvicina infatti la prima scadenza dell’esercizio provvisorio concesso dal Tribunale Fallimentare di Reggio Calabria e le voci di un abbandono di Alitalia sono sempre più insistenti.
“Mi sto confrontando sulla vicenda con il governatore Oliverio – dice ancora il segretario della Ugl – per non lasciare nulla di intentato. Il presidente della giunta ha ben fatto scrivendo al Ministro dei Trasporti Graziano Delrio per chiedere interventi sulla compagnia di bandiera, ma bisogna andare oltre. L’aeroporto di Reggio deve essere messo in condizione di rimanere aperto anche a prescindere da Alitalia. Le distanze dagli altri aeroporti calabresi sono eccessive per i reggini che vedrebbero assai ridotto il loro diritto a potersi muovere liberamente in caso di chiusura”.
Secondo il segretario regionale della Ugl, insomma, mentre si lavora per far fronte all’emergenza bisogna guardare anche al futuro. “Si stanno incrementando i collegamenti da Reggio per Lamezia ed è un fatto positivo. Ma perché non si fa lo stesso anche per i collegamenti Reggio-Messina ad esempio? Non vorrei che ci stessimo trovando davanti al solito disegno che, alla fine, penalizzerà la nostra città ancora una volta”.
Ecco perché secondo l’Ugl è il momento di produrre il massimo sforzo a tutela di un’infrastruttura indispensabile per il futuro di una città che continua ad arrancare dopo lunghi anni di mala amministrazione.
“Il fallimento della Sogas, la società che ha gestito fino a qualche mese fa l’aeroporto – dice ancora Ornella Cuzzupi – chiama in causa le responsabilità di un’intera classe dirigente oltre che degli amministratori che sono stati chiamati a guidare la società. Non si può consentire più di saccheggiare ancora Reggio ed è per questo che invitiamo i cittadini a prendere parte in maniera massiccia alla manifestazione pubblica di sabato prossimo davanti alla Prefettura. La Ugl ci sarà e continuerà a battersi fino all’ultimo secondo utile”.

Share
Share