Decreto Agosto, da dicembre il rimborso per chi paga con carta. Misure per i negozi dei centri storici e per la filiera alimentare

Share

Dal testo uscito in extremis lo sconto del 20% sul conto del ristorante. In compenso l’1 dicembre partirà il meccanismo del cosiddetto “cashback” sugli acquisti fatti con mezzi diversi dal contante, in chiave antievasione. Contributo a fondo perduto per i ristoranti che acquistano prodotti di filiere agricole e alimentari italiane

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dario-Franceschini.jpg

Dal decreto Agosto è uscito in extremis il “bonus ristorante“, cioè lo sconto del 20% mirato a rilanciare i consumi, che alcuni ministri avrebbero voluto estendere anche agli acquisti di abbigliamento e arredi. In compenso l’1 dicembre partirà il cashback, cioè il meccanismo dei rimborsi per chi paga con moneta elettronica. E che cosa resta allora delle misure per la filiera della ristorazione caldeggiate dalla ministra Teresa Bellanova?

Nella versione finale del testo approvato “salvo intese tecniche” è confermato, anche se cala a 600 milioni, un fondo ad hoc per sostenere l’acquisto di prodotti made in Italy. Arriva poi un contributo per i negozi nei centri storici delle città d’arte. In entrambi i casi ci sono precisi paletti.

La Bellanova venerdì pomeriggio ha lasciato la clinica dov’era programmato il suo ricovero fino a lunedì per accertamenti per partecipare al cdm e “difendere” il fondo. Potranno ottenere un contributo a fondo perduto – minimo 2.500 euro – i ristoranti che acquistano prodotti di filiere agricole, alimentari e vitivinicole italiane, a condizione che il fatturato del periodo marzo-giugno 2020 sia inferiore di almeno il 25% rispetto allo stesso periodo 2019 o che si sia avviata l’attività dopo l’1 gennaio 2020.

Su proposta del ministro dei Beni culturali e del turismo Dario Franceschini, arriva un contributo a fondo perduto per le attività economiche e commerciali dei centri storici che abbiano visto le entrate di giugno più che dimezzate rispetto allo stesso periodo del 2019. Il contributo andrà dal 10 al 20% della differenza, a seconda del volume dei ricavi. Spetterà ai capoluoghi di provincia dove le presenze straniere siano almeno cinque volte superiori ai residenti e alle città metropolitane con presenze straniere pari o superiori ai residenti.

 Il cashback per gli acquisti con strumenti elettronici, annunciato lo scorso anno con il nome di “bonus Befana” e rinviato causa emergenza, partirà da dicembre. “Lo anticiperemo rispetto a quello che avevamo deciso dopo la riprogrammazione”, ha detto venerdì sera il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, spiegando a grandi linee – serviranno successivi provvedimenti attuativi – come funzionerà la misura che incentiva la modernizzazione dei pagamenti e dovrebbe contribuire alla lotta all’evasione. Il meccanismo “sarà a punti e non di sconto. Un meccanismo che in qualche modo consente di cumulare il vantaggio di un certo numero di transazioni, per avere poi indietro delle risorse che possono variare a seconda del numero di transazioni, ma con un meccanismo che evita che ci sia un elemento redistributivo regressivo”. Il bonus sarà versato “in tranche semestrali, prima delle vacanze estive e poi alla fine dell’anno successivo”. Per il 2021 vengono stanziati 1,75 miliardi.


Ilfattoquotidiano.it

Share
Share