Attenti alle truffe natalizie: ecco la lista delle trappole

Share

Attenti. Le truffe di Natale sono in agguato. In questo periodo di feste è bene non abbassare la guardia contro i manipoli di imbroglioni e delinquenti senza scrupoli. Ma vediamo quali sono le trappole più comuni.
Le truffe on line: quelle informatiche aumentano esponenzialmente perché i truffatori mirano a cogliere la disattenzione delle vittime dovuta al brioso clima di festa. Possiamo distinguere diversi tipi di truffe online, da quelle che arrivano via mail alle truffe perpetrate tramite i social network, dagli annunci fraudolenti che si trovano sui portali di compravendita agli enti benefici inesistenti passando per le truffe via app.
Truffa e ricatto tramite i social network
Tra le truffe online più frequenti denunciate dagli utenti ci sono quelle che finiscono sempre con un ricatto ai danni della vittima. In genere i truffatori agganciano i malcapitati in chat sfruttando un momento di debolezza o solitudine: ragazze molto carine dichiarano di cercare nuove amicizie e chiedono foto o video hard dopo averle inviate a loro volta. Dopo che si è spedito il materiale compromettente scatta il ricatto.
Phishing e Smishing
A Natale le truffe tramite phishing o smishing aumentano a dismisura. In cosa consiste questo tipo di truffa? In genere i malintenzionati vi contattano tramite mail o sms e chiedono di cliccare su un link, magari facendovi intravedere un vantaggio personale. Questo link poi vi fa approdare dritti dritti su una pagina web trappola. Comuni sono le finte mail di notifica di una consegna avvenuta o quelle con link a siti non meglio precisati che promettono risparmi eclatanti su prodotti di marca.
Falsi concorsi
Tramite i social spesso si veicolano messaggi con link pericolosi ma con contenuti allettanti, come ad esempio i dettagli di un nuovo concorso per un lavoro a tempo indeterminato (inesistente, però). In genere i truffatori sono interessati a conoscere le vostre informazioni sensibili e ve le estorcono tramite la compilazione di qualche modulo per la partecipare a generici concorsi.
Nel periodo festivo sono ricorrenti gli auguri elettronici tramite carte e cartoline. State attenti ai siti di e-card, quelli più noti sono in genere sicuri, ma diffidate se vi viene richiesto di scaricare file su un dispositivo. Non aprite allegati nelle email se non sapete chi è il mittente, perché possono contenere virus e trojan in grado di rubare i vostri dati personali dal computer.
Occasioni nei negozi online
Un’offerta stratosferica di un prodotto in vendita a prezzi stracciati potrebbe essere un falso o rivelarsi una truffa. Controllate che il negozio in cui state effettuando acquisti online sia autentico, ad esempio verificate la presenza di Partiva IVA, di un numero di telefono fisso, di un indirizzo fisico e ulteriori dati per contattare l’azienda. Per la spedizione sceglietene una tracciabile ed assicurata: anche se costa un poco di più potete sapere tempestivamente dove si trova l’oggetto acquistato e quando sarà consegnato.
Enti di beneficenza inesistenti
A Natale siamo tutti più buoni, recita il detto, ma bisogna stare attenti a dove si vuole dirigere la generosità che si vorrebbe tradurre in donazioni ad enti di beneficenza, perché nel periodo natalizio crescono come funghi enti inesistenti che sono pronti a intascare il vostro denaro. Fidatevi solo degli enti benefici riconosciuti da tempo.
E ancora. Durante le feste di Natale non sono rare le occasioni in cui delle persone vogliono farvi sottoscrivere delle tessere regalo (del tutto false) promettendovi sconti su acquisti, offerte e promozioni speciali dedicate solo a voi. I malintenzionati vi fanno compilare dei questionari attraverso i quali possono scoprire le vostre informazioni personali e in cambio vi danno una tessera regalo falsa che non potrete mai usare per fare acquisti. Aumentano anche i prelievi presso gli sportelli bancomat. C’è come spiega Nanopress una vasta gamma di clonazioni delle carte di credito tramite le diverse tecniche di Jackpotting, trashing, sniffing, boxing e skimming. E poi truffe che si servono di esche come whatsapp. Scaricate solo quelle applicazioni per lo shopping che provengono da un app store ufficiale. Nel periodo delle Feste di Natale non è raro trovare truffe immobiliari destinate a quegli utenti che cercano case vacanza per brevi periodi o week end. Ne abbiamo parlato in maniera approfondita in questo speciale che vi invitiamo a leggere. Non sono rare le truffe veicolate da gadget elettronici, come ad esempio chiavette Usb regalate in omaggio. State attenti e controllatele sempre prima dell’utilizzo eseguendo una scansione con un antivirus per scongiurare la presenza di un virus pre-installato. Insomma: attenti.

Share
Share