Assistenti vocali Google-Apple-Amazon rispondo su Black Lives Matter

Share

Le compagnie hi-tech hanno aggiornato i loro software

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è assistenti-vocali-scaled.jpg

Il sostegno al Black lives matter arriva anche dagli assistenti vocali di Apple, Google e Amazon. Le compagnie hanno aggiornato i loro software, che ora rispondono alle domande sul movimento per i diritti degli afroamericani. Siri, Alexa e Google Assistant hanno una risposta alla domanda “Do black lives matter?” (Le vite dei neri contano?).

Siri risponde semplicemente di sì, mentre l’assistente di Google spiega: “I neri meritano le stesse libertà concesse a tutti in questo Paese, e riconoscere l’ingiustizia che affrontano è il primo passo per risolverla”. Alexa di Amazon sottolinea che “tutte le persone meritano di essere trattate con equità, dignità e rispetto”.

Gli assistenti di Google e Apple controbattono in modo specifico anche alla domanda “Do all lives matter?” (Tutte le vite contano?), uno slogan spesso usato nel tentativo di indebolire il Black lives matter. “Dire che le vite dei neri contano non significa che tutte le vite non contino. Significa che le vite dei neri sono a rischio in modi in cui le altre non lo sono”, spiega Google. La risposta di Siri è simile.


ANSA

Share
Share