Chorally è la prima piattaforma Saas a ottenere la certificazione AgID

Share

Chorally diventa la prima piattaforma italiana Saas di Customer Engagement per i canali social e digital a ottenere la qualificazione dall’AgID. L’azienda ha recentemente annunciato di essere stata inclusa nel Catalogo dei fornitori per la Pubblica Amministrazione, a cui gli enti pubblici faranno riferimento per acquistare un servizio cloud. Con la determina 408, del 19 dicembre 2018, l’AgID, l’Agenzia per l’Italia Digitale, ha previsto che tutti i servizi cloud offerti alle pubbliche amministrazioni debbano essere certificati e, a partire dal 2019, ha imposto a tutti gli enti di acquistare servizi solo da aziende in possesso di certificazione. 
Con le Circolari n.2 e n.3 del 2018, ha inoltre indicato le caratteristiche a cui devono rispondere i servizi Saas per ottenere la certificazione: sicurezza, performance, flessibilità, portabilità e ovviamente conformità alle leggi. 
Caratteristiche che Chorally ha dimostrato di avere, diventando così la prima piattaforma italiana di Customer Engagement per i canali social e digitali a ottenere la qualificazione SaaS di AgID.
«Siamo molto orgogliosi di questo risultato, – ha commentato Fabio Castronuovo, founder e general manager di Chorally – la Qualificazione AgID va a premiare un percorso di ricerca e innovazione intrapreso da anni dal nostro team. Allo stesso tempo è un passo fondamentale per la Pubblica Amministrazione che potrà offrire servizi di customer engagement a supporto della digitalizzazione delle imprese». 
La piattaforma Chorally permetterà agli Enti Pubblici di gestire e monitorare i canali digitali. In unica soluzione sarà possibile moderare i commenti, pubblicare e schedulare i contenuti, gestire i canali di messaggistica privata (WhatsApp Business, Telegram, Chat etc..) e avere una suite completa di reportistica su tutte le attività.  
I canali supportati sono: Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Linkedin, Email, Whatsapp, Telegram, Email, Sms, Recensioni negli store mobile, Google MyBusiness e altri ancora.

Share
Share