Sciopero, benzinai chiusi fino a venerdì mattina

Share

E’ iniziato alle 6 di oggi e durerà per due giorni (fino alle 6 di venerdì 8 novembre) lo sciopero dei distributori di carburanti che resteranno chiusi su strade e autostrade, compresi notturni e self-service. I benzinai incrociano le braccia per protestare, come hanno sostenuto Confesercenti e Confcommercio, contro quelli che sono stati definiti “adempimenti inutili e cervellotici” da parte del governo e che metterebbero in crisi i distributori: “dalla fatturazione elettronica ai registratori di cassa telematici (anche per fatturati di 2 mila euro all’anno) dall’introduzione di Documenti di Trasporto (Das) fino al gravame fiscale e contributivo per i gestori che non ricevono, in tempo, da fornitori e agenzia delle Entrate i documenti necessari per la loro contabilità”.
 Lo sciopero è su tutto il territorio nazionale ed è stato promosso dalle organizzazioni di categoria Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio.

Share
Share