Offagna

Share

Oggi vi parlo di Offagna, che si trova in provincia di Ancona, a 300 metri di altitudine e conta poco meno di 2000 abitanti. L’origine del nome di Offagna non è chiara. Sulla questione circolano varie ipotesi, ma poco attendibili. Prime tracce di storia di Offagna si trovano nel Codice Bavaro, dove sono presenti quasi duecento annotazioni riguardanti le concessioni immobiliari ed i negozi giuridici stipulati dalla chiesa di Ravenna, nel periodo che va dall’ottavo al decimo secolo. Non è nulla di emozionante, solo contabilità: però questi papiri sono i primi a certificare la presenza di questo borgo nel mondo. Di Offagna si sa che fece parte prima della repubblica anconitana e poi dello stato pontificio fino all’unità d’Italia. È un posto magico che vi farà rivivere la bellezza dell’architettura e dell’arte medievale. Il biglietto da visita che rende inconfondibile il borgo è la suggestiva Rocca. È il principale monumento cittadino, costruito tra il 1454 e 1456. All’interno della Rocca c’è un bel museo di armi antiche. Visitatelo e
avrete la possibilità di vedere tutti i tipi di armi: dalla preistoria fino
all’epoca napoleonica. Un’altro bel museo da visitare è dedicato alla Liberazione: propone una fototeca con le immagini della seconda guerra mondiale, dei documenti militari e di alcune armi usate in quel tempo oscuro. La chiesa più bella di Offagna è dedicata al santissimo sacramento. Fu uno dei lavori più importanti dell’architetto Andrea Vici, famoso per aver disegnato la reggia di Caserta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è esterna_rocca.jpg


Anche la consueta sosta gastronomica propone prelibatezze irrinunciabili. Molto gustose sono le “foie de campo”, un mix di erbe selvatiche che vengono bollite, passate in padella con sale, aglio e rosmarino. Se volete potete usarle per condire le crescia, ovvero un panino sottile preparato con farina, lardo e strutto, cotto alla brace.
Per raggiungere facilmente Offagna, vi consiglio di usare l’auto: prendete l’autostrada A14, poi l’uscita del casello autostradale di Ancona Sud, e vi affidate alle indicazioni.

Share
Share