Usa, Trump di nuovo protagonista con il Trono di Spade: “Il Muro sta arrivando”

Share

L’annuncio su Instagram. Ma la Camera lo sfida: vota la fine dello shutdown senza i 5 miliardi per la barriera sul confine messicano

“Il muro sta arrivando”. Dopo avere usato la famosa frase della serie “Il Trono di Spade” per mettere in guardia l’Iran, Donald Trump ha nuovamente fatto ricorso allo slogan per annunciare la costruzione del muro al confine con il Messico. Nel pomeriggio, appena dopo aver tenuto una conferenza stampa a sorpresa alla Casa Bianca insistendo sulll’importanza del muro di confine, il presidente ha pubblicato sul suo account Instagram l’annuncio stile “Game of Thrones”. Un montaggio con il suo volto sopra una palizzata al confine, con lo slogan “The Wall is Coming”, copertina di “Winter is coming” (“L’inverno sta arrivando” nella versione originale ) della pluripremiata serie HBO. Un altro riferimento a “GoT”, la “O” è attraversata da tre bande verticali. Due mesi fa, il presidente aveva già pubblicato su Twitter un post per l’imminente reintroduzione delle sanzioni contro l’Iran con la frase “Le sanzioni stanno arrivando”. Sul muro, una delle sue promesse più simboliche, Trump non transige. In “Game of Thrones”, un gigantesco muro di ghiaccio protegge uno dei regni di questo universo fantastico-medioevale. Ma i recenti sviluppi della serie hanno dimostrato che la sua efficacia è discutibile. Ma nella stessa giornata c’è la doccia fredda per Trump. La nuova Camera del Congresso Usa a maggioranza democratica come primo atto della legislatura approva una legge di bilancio per superare lo stallo dello shutdown e far ripartire il governo federale, parzialmente paralizzato per mancanza di fondi da oramai due settimane. La proposta non prevede i 5 miliardi di dollari di fondi per il muro al confine col Messico, condizione senza la quale il tycoon ha già detto che porrà il veto su qualunque provvedimento. Ora la parola passa al Senato dove la maggioranza repubblicana ha già detto che voterà solo una legge sostenuta dalla Casa Bianca.

La Repubblica

Share
Share