Investire post pandemia

Share
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Pandemia.jpg

Sono 85mila i licenziamenti nel settore bancario. A tanto è arrivato il numero di bancari che hanno perso il posto di lavoro in questo 2020 difficile, sotto tutti i punti di vista. Le ultime tre banche a annunciare un piano di licenziamenti sono state l’olandese Abn Amro, la spagnola Banco de Sabadell e la francese Société Générale: complessivamente hanno annunciato un taglio di circa 6.100 posti entro fine anno.

Era già scritto. La pandemia ha però accelerato tempi e processi e condotto con un anticipo di anni nel punto in cui, tutti sapevano, si sarebbe andati a finire. Provate a pensare all’uso della carta di credito. Solo pochi mesi fa in pochi la estraevano dal portafoglio, oggi, sempre più persone, invece, la utilizzano sfruttando direttamente la virtualizzazione sul cellulare. Qualcuno aveva dubbi che si sarebbe arrivati a questo punto? Che la digitalizzazione potesse portare a tanto? Nel settore dell’auto accadono le stesse cose. Pensate a ciò che stanno realizzando, in termini di crescita e capitalizzazione, le due aziende più importanti del settore: Tesla e Nio. Anche in questo settore qualcuno ha mai immaginato che benzina e gasolio sarebbero stati utilizzati per sempre? La frontiera potrà essere elettrica o a idrogeno o chissà di quale forma di energia non ancora scoperta, ma indietro non si torna. A proposito di mondo che cambia, la nuova Citroën Ami: completamente elettrica, ha un’autonomia di 70 km e si ricarica collegandola a qualunque presa, una di quelle che usiamo per i cellulari. La si acquista via web. Prezzi contenuti e consegna a casa.

Lo comprendiamo che ci siamo stiamo risvegliando in un altro mondo? E, quando il risveglio sarà completo (a virus sconfitto) ci ritroveremo in un altro tempo. Lo chiamo «Tempo della Competenza» quello in cui vinceranno la preparazione e la preparazione. Anche nel mondo degli investimenti. I tassi prossimi allo zero saranno la costante dei prossimi 10 anni generare «Alfa» (rendimento), sarà solo un fatto di competenza e di preparazione.


Ilgiornale.it

Share
Share