Dalla Sardegna, un progetto per girare l’Italia post covid in bici

Share

 Partirà stasera dal porto di Cagliari, dove si imbarcherà su un traghetto, con destinazione Palermo. Una volta sbarcato in Sicilia, Francesco Accardo, 30 anni, ingegnere trasportista, operatore culturale e direttore della Fondazione Siotto, salirà a bordo della sua bicicletta e attraverserà la Penisola, in varie tappe, pedalando fino a Valle Aurina, comune del Trentino Alto Adige. È questo l’obiettivo che il giovane si è posto con progetto “Tramonti”, per promuovere il turismo intra e interregionale nella maniera più sostenibile possibile, documentando sui social con video, foto e parole l’Italia post quarantena.  Alla base della sua sfida c’è il desiderio di mettere in atto un’idea di viaggio a impatto zero, con un ritorno al legame tra l’uomo e il territorio in cui vive e si muove, alla riscoperta della lentezza e dei mezzi semplici. A sostenerlo, anche lo stilista Antonio Marras, che ha regalato ad Accardo alcune mascherine, una maglietta e una camicia appositamente disegnate e realizzare per lui. Questo pomeriggio, intanto, il giovane è stato ricevuto in Municipio, a Cagliari, dal sindaco Paolo Truzzu, che gli ha consegnato lo stemma della città. Il viaggio di Accardo dovrebbe durare poco più di un mese. Il giovane auspica una partecipazione collettiva a questa sua grande sfida: sul profilo Facebook ‘vagnerlove1989’ e su quello Instagram ‘frasquito_de_bobadilla’, di volta in volta, annuncerà le diverse tappe, chiedendo a chi lo segue consigli su dove mangiare, dormire e che cosa vedere. Giorno per giorno racconterà anche, attraverso video, foto e parole le sue impressioni suoi luoghi visitati e le persone incontrate. C’è anche un hashtag: #progettotramonti. “È un’idea a cui stavo pensando già da tempo e, dopo quello che è accaduto quest’anno, con l’emergenza per il Covid-19 – ha chiarito Accardo – ci tenevo particolarmente a realizzarla proprio adesso, facendo qualcosa di significativo per il cicloturismo. Ho cercato di pensare a qualcosa che potesse essere fattibile per chiunque e che permettesse di riscoprire del turismo nelle regioni italiane. Dopo l’arrivo a Palermo, la seconda tappa che ho programmato sarà quella di Cefalù, a una settantina di chilometri da Palermo, poi proseguirò verso il Nord Italia fino alla tappa finale a Valle Aurina, comune della provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige. Poi, chissà, non escludo di spingermi anche oltre, magari fino a Capo Nord, in Norvegia”. Il primo cittadino di Cagliari, Paolo Truzzu, ha donato ad Accardo lo stemma di Cagliari. “Il sindaco – aggiunge il direttore della Fondazione Siotto – mi ha chiesto di portarlo con me durante tutto il viaggio e di fare dei selfie e delle foto con tutte le persone che incontrerò nelle varie tappe”. Il progetto ‘Tramonti’ è organizzato dalla Fondazione di ricerca ‘Giuseppe Siotto’ con il patrocinio di MiBACT, Regione Sardegna, Comune di Cagliari e Associazione delle Istituzioni di Cultura Italiane (AICI).

Share
Share