Terna, presentati i progetti per la futura stazione elettrica di Suvereto

Share

Ieri sono stati presentati ad una apposita commissione composta da tecnici Terna (nella foto, l’a. d. Stefano Donnarumma) e da una delegazione del Comune di Suvereto, in provincia di Livorno, i progetti architettonici per la realizzazione della futura stazione elettrica di conversione di Suvereto, nell’ambito del progetto di ammodernamento del Sa.Co.I.3, il collegamento elettrico tra Sardegna, Corsica e penisola italiana. A distanza di sette mesi dall’avvio dell’attività di raccolta dei progetti, e dopo aver esaminato tutte le candidature in possesso dei requisiti richiesti, oggi è quindi iniziata la fase successiva di presentazione e valutazione tecnica delle soluzioni architettoniche pervenute per la futura stazione elettrica, con l’obiettivo di individuare la migliore proposta progettuale per la realizzazione di tutti gli elementi che compongono l’opera e l’area circostante: dagli edifici, alle recinzioni perimetrali fino all’illuminazione e all’inserimento armonico nel territorio interessato. Successivamente verrà stilata una graduatoria tecnica dei progetti architettonici e svolta la verifica della documentazione amministrativa per poi proclamare il vincitore. 
Le soluzioni proposte verranno analizzate e valutate sotto molteplici punti di vista, tra cui la completezza delle analisi del contesto paesaggistico e i criteri adottati in coerenza con esso; la minimizzazione dell’impatto ambientale, l’innovazione, l’originalità e il carattere estetico del progetto architettonico; il ripristino vegetazionale; la riduzione delle tempistiche di realizzazione e la facilità di manutenzione dell’opera. La volontà di realizzare il contest è il frutto del lungo e proficuo percorso di dialogo e condivisione del progetto Sa.Co.I.3 con l’amministrazione comunale e la comunità di Suvereto al fine di individuare proposte che, oltre a generare i necessari benefici al sistema elettrico, si integrino con l’ambiente circostante. L’opera, infatti, favorirà la riduzione delle perdite di rete e una maggiore integrazione delle fonti rinnovabili, consentendo all’Italia di contribuire inoltre al completamento del mercato elettrico europeo, rafforzando il suo ruolo di hub naturale dell’energia nell’area del Mediterraneo.
L’invito a partecipare al concorso è stato rivolto esclusivamente ad architetti o raggruppamenti di studi/professionisti, che hanno risposto all’iniziativa di scouting, allo scopo di coinvolgere realtà imprenditoriali con specifiche esperienze e sensibilità sulle caratteristiche del territorio. Prossima tappa, la scelta del vincitore a cui verrà affidato il compito di realizzare il progetto della futura stazione con un occhio di riguardo per la sostenibilità ambientale nel pieno rispetto della cornice paesaggistica in cui si inserisce.

Share
Share