Lavazza, bonus ai dipendenti degli stabilimenti italiani

Share

Il Gruppo Lavazza (nella foto, l’a. d. Antonio Baravalle) ha deciso di riconoscere un bonus a tutto il personale dei suoi stabilimenti produttivi in Italia, di Torino, Gattinara (Vercelli) e Pozzilli (Isernia), che impiegano in totale oltre 650 dipendenti, erogando un importo mensile di 250 euro lordi nei mesi di marzo e aprile sulla base del lavoro effettivamente prestato da ciascuno “in presenza”.
In base al DPCM del 22 marzo in merito al blocco delle attività produttive industriali cosiddette “non essenziali”, le attività produttive del Gruppo Lavazza rientrano, infatti, nella classificazione di Industria Alimentare che sono esenti dalla sospensione, in quanto considerate parte delle filiere essenziali.
“In questo momento – si dice in una nota – il Gruppo Lavazza, sta mettendo in campo tutte le proprie forze per assicurare la continuità delle sue attività e dei suoi processi. Questo obiettivo si sta realizzando grazie al contributo di tutti i collaboratori, e in particolare grazie all’impegno del personale degli stabilimenti produttivi che con il lavoro quotidiano in presenza assicurano la qualità e la disponibilità dei prodotti. Questo bonus è un riconoscimento a testimonianza di questo impegno”.
A seguito dei risultati conseguiti nel 2019, inoltre, il Gruppo Lavazza in Italia ha erogato tra febbraio e marzo i premi per obiettivi previsti dai contratti integrativi ai collaboratori sia del Centro Direzionale sia degli stabilimenti produttivi di Torino, Gattinara e Pozzilli, per una media di oltre 3.000 euro lordi, somme tutte in crescita rispetto all’anno precedente.

Share
Share