Un autunno in salita per La7

urbano cairo
Share

I talk show in prima serata soffrono.
Da rivedere gli obiettivi della raccolta pubblicitaria
Previsto il calo d’ascolti di Santoro. Ok Formigli e Miss Italia

urbano cairo In ottobre molte trasmissioni di punta di La7 in prima serata non saranno probabilmente in grado di centrare gli obiettivi di ascolto venduti da Cairo communication ai clienti pubblicitari. Niente di male, medical cose che accadono nel mondo della televisione. Semplicemente, order la concessionaria dovrà impegnarsi a regalare altri spazi ai brand penalizzati, buy o a concedere qualche sconto aggiuntivo. Però non c’è dubbio che la raccolta pubblicitaria di La7, che, secondo Nielsen, già marcia in negativo nei primi sette mesi del 2014, con un fatturato complessivo di 93 milioni di euro e un calo dell’1,6% sullo stesso periodo 2013, potrebbe subire un ulteriore rallentamento. Ecco qualche esempio: in base al listino di Cairo communication per il mese di ottobre di La7, il prime time di Giovanni Floris del martedì sera dovrebbe avere ascolti medi di 1,5 mln di individui, con spot da 30 secondi del valore di 122 mila euro ciascuno. Per ora, tuttavia, il programma di Floris sta viaggiando a una media individui inferiore di circa il 40% (se si dovesse applicare un conseguente sconto al listino, si scenderebbe quindi a 73 mila euro). C’è poi l’incognita del preserale quotidiano 19e40, ora interrotto perché Floris è stato chiamato a sostituire Lilli Gruber nel talk Otto e mezzo. Quel preserale era stato venduto agli investitori pubblicitari con ascolti di ottobre previsti nell’ordine di un milione di individui e spot da 30 secondi con prezzo di listino di 78.600 euro. Nelle prime puntate andate in onda a settembre, le audience di 19e40 si sono attestate, invece, a un livello inferiore del 70% rispetto alle previsioni. Una enorme differenza, che difficilmente verrà colmata in ottobre, sempre che la striscia quotidiana torni ad andare in onda. Gli uomini di Cairo communication avevano invece già messo in preventivo il calo di Servizio Pubblico di Michele Santoro. Il programma del giovedì sera aveva chiuso la scorsa stagione con una media di 2,1 milioni di telespettatori, ma nelle previsioni di ottobre i listini di La7 fissano un obiettivo di 1,5 mln di individui (spot da 122 mila euro). La prima puntata della stagione 2014-2015 si è fermata a un -20% (1,2 mln di individui). Malino La Gabbia di Gianluigi Paragone.
Già lo spostamento alla domenica ne ha tolto centralità e visibilità. Ma la nuova stagione è iniziata ben al di sotto delle attese: in ottobre il programma è venduto con medie previste di 700 mila telespettatori. Per ora ne ha incassati circa il 40% in meno.
L’unico che, con un certo orgoglio, può vantarsi di performance migliori delle aspettative è, per il momento, Corrado Formigli con la sua Piazza pulita del lunedì sera. In ottobre è stato venduto pubblicitariamente con promesse per 800 mila telespettatori medi, e finora è sopra quella quota di un buon 11% (nella puntata di lunedì 29 settembre, per esempio, ha avuto 914 mila aficionados).
In questo diluvio di seriosissimi talk rimane il dato di Miss Italia, che, in simulcast su La7 e La7d, lo scorso 14 settembre aveva centrato il 7,22% e superato gli 1,2 milioni di telespettatori. Chissà se all’editore Urbano Cairo sono tornate in mente le parole di Franco Battiato ne L’Animale: «Cambierei molte cose, un po’ di leggerezza e di stupidità_». Per fortuna di Cairo, il 3 ottobre parte Maurizio Crozza al venerdì sera. Audience venduta agli investitori pubblicitari: 2 milioni di individui, e 162.600 euro per uno spot da 30 secondi.

di Claudio Plazzotta

Fonte: Italia oggi

Share
Share